DIBATTITO SUI SACERDOTI DELLA VALLE/”RICOMINCIAMO A PARLARE E IMPARIAMO A NON GIUDICARE A PRIORI”

LETTERA A VN

Scriviamo a nome di alcuni parrocchiani introbiesi, in merito alla mail pubblicata venerdi scorso, nell’articolo sui parroci.
La sensazione è stata quella di amarezza e dispiacere per la modalità con la quale sono state affrontate le problematiche riferite, specie da chi, se effettivamente è membro di un consiglio pastorale, probabilmente non ha compreso quali siano i compiti di questo organismo, non una trasposizione del consiglio comunale in chiave ecclesiale, ma espressione della corresponsabilità laicale e dell’arte del “consigliare”. 

Il consiglio è un dono e va condiviso: è inevitabile che nelle esperienze di vita – civile e religiosa- vi siano visioni diverse dei problemi e delle decisioni da prendere, ma solo con un sereno e franco confronto, a viso aperto, come facevano i nostri ‘vecchi’, è possibile costruire qualcosa di nuovo e migliore.

Gli autori della lettera, che tanto rimpiangono le tradizioni, hanno scelto di pubblicare una lettera su un quotidiano on-line, tra le più moderne forme di espressione e partecipazione, ma criticano se alcune richieste possono essere formulate ai nostri Parroci con mail o con un SMS, visto che i numeri dei cellulari dei sacerdoti e della suora sono pubblicati su “Camminiamo insieme”, foglio settimanale della comunità pastorale.

I cambiamenti, specie nella società “liquida” che caratterizza i nostri giorni, sono forieri di problemi, ma possono costituire una valida opportunità di confronto e cambiamento, e anche questa lettera potrà diventare stimolo per una riflessione a più ampio respiro, un dialogo costruttivo se impareremo a parlarci.

Parlarsi, in questo mondo frenetico dove gli sms e le mail hanno sostituito le chiacchierate, le cartoline, i biglietti di auguri, le lettere e dove tutti abbiamo occhi solo sullo smartphone o non sul viso dei nostri familiari, colleghi di lavoro o vicini sul treno, deve tornare ad essere fondamentale nel nostro rapporto con gli altri :“Se le parole non nascono dal cuore, se non sono leggere e profonde, gentili e assorte, fragili e sincere, fanno del male, e fanno del male i gesti che non sanno testimoniare attenzione e partecipazione “ (Bergna, Parlarsi).

Ricominciamo a parlare e impariamo a non giudicare a priori, ascoltiamo anche le ragioni dell’altro.

Non possiamo che fare nostre le riflessioni del compianto Card. Carlo Maria Martini, che scriveva, sul ‘Consigliare nella Chiesa’ : “ a mio avviso, il consigliare nella Chiesa deve avere la comprensione amorevole della complessità della vita in genere e della vita ecclesiale in specie…Il consigliare non è un atto puramente intellettuale; è un atto misericordioso che tenta di guardare con amore l’estrema complessità delle situazioni umane concrete-parrocchie, decanati, chiesa, società civile, società economica”. E infine, un augurio di Buon Natale, nella pace e nel dialogo fraterno.

[Lettera firmata]

 

 




loading...




I NUOVI SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

ELEZIONI A PREMANA: VINCE...

Vedi Risultati

Loading ... Loading ...

METEO – sponsored by PUNTO MEDIA



loading...

There is no ads to display, Please add some

There is no ads to display, Please add some
Booking.com

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

dicembre: 2016
L M M G V S D
« nov   gen »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

VN SU FACEBOOK