GALLINE IN GABBIA/LA CORTE DI GIUSTIZIA UE DIFFIDA L’ITALIA. MA NON LA VALLE



La direttiva 1999/74/CE prescrive che a decorrere dal 1° gennaio 2012 tutte le galline ovaiole siano tenute in "gabbie modificate" con spazio per fare il nido, razzolare e appollaiarsi, ovvero in sistemi alternativi. La gabbie possono essere usate soltanto se offrono a ciascuna gallina una superficie pari ad almeno 750 cmq, un nido, lettiere, posatoi e dispositivi per accorciare le unghie, consentendo così alle galline di soddisfare i loro bisogni biologici e comportamentali. Galline ovaiole ancora in gabbia: l'Europa ci mette in mora

La piena ottemperanza da parte di tutti gli Stati membri è essenziale non solo per i profili animalisti, ma anche per evitare distorsioni del mercato e una concorrenza sleale. La mancata attuazione del divieto di gabbie "non modificate" infatti mette in situazione di svantaggio le aziende che hanno investito per adeguarsi alle nuove misure. Nonostante i ripetuti solleciti della Commissione l’Italia non ha ancora ottemperato adeguatamente alla pertinente normativa e ora si attende che il nostro paese adempia alla norma.

E in Valsassina? In Valle i pennuti se la passano decisamente meglio e la direttiva 1999/74/CE non trova applicazione. A "testimoniarlo" sono le galline stesse che spesso hanno a disposizione abbondanti spazi, buon cibo e un’aspettativa di vita ben superiore a quella delle ovaiole di allevamento (9 anni contro 2).

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COME RIEMPI LE GIORNATE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

STRADE VUOTE, LA VALLE ‘RISPETTOSA’

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

aprile: 2013
L M M G V S D
« Mar   Mag »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930