IL DOMENICALE DI R.B./L’ERBA DEL VICINO (E QUELLA DI PARLASCO)



Fine settimana nella vicina Confederazione rossocrociata a cercare conferme sull’erba del vicino: è ancora sempre più verde?

Già, perché noi viviamo spesso con questo pensiero in testa, una fissazione, quasi un senso di inferiorità: gli altri, il Trentino, la Valle d’Aosta, la Svizzera, appunto. Tutti più bravi, tutto più bello. E, a proposito di bello, io ci aggiungo un bel “mah!”, tipo quello della rotonda.

In parte queste leggende sono storia vera; più che dalle leggende, però, dobbiamo cercare di uscire dai miti che negli anni ci siamo costruiti, perché basta guardarsi intorno per capire che, in molti casi, i “vicini dei vicini” siamo noi, e non altri.

Lo so, sto continuando a rompervi con la storia del “viviamo in posti bellissimi”, ma se uno domenica scorsa è andato sulle nostre montagne, ditemi voi cosa mai avrebbe potuto invidiare a Trentino – Svizzera – Austria e compagnia bella?

Se poi girate con un po’ di consapevolezza del dove siete e di cosa vi circonda, vi accorgerete che negli ultimi tempi molto è cambiato, a partire dal senso civico dei frequentatori delle nostre contrade.

Non dico che non troverete più qualche fazzoletto di carta o qualche lattina sparsa per i sentieri (l’educazione, purtroppo non è ancora diventata patrimonio dell’umanità), ma certamente, almeno questa è la mia percezione, abbiamo fatto passi da gigante in avanti.

Il colore dei prati, poi, lo decidono anche fattori sui quali, fortunatamente, non possiamo influire: il sole e la pioggia se ne fregano delle nostre speranze e giocano sempre d’anticipo.

E questo succede anche dai “vicini”.

Ragion per cui continuiamo a guardarci intorno per imparare, ovvio e naturale, ma con la consapevolezza di aver gettato definitivamente la veste dei parenti poveri che per troppo tempo ci siamo cuciti (molto spesso a sproposito) addosso.

Troppo ottimista? Forse, ma questa visione idilliaca della nostra erba forse deriva anche dal fatto che noi, sull’erba, ci sappiamo fare, e in questo caso il colore c’entra poco.

Penso che tutti abbiamo gioito per le affermazioni di Mattia Arrigoni e di Antonella Manzoni ai mondiali di sci d’erba che si sono conclusi da poco.

Bravi, bravi, bravi. E, se possibile, ancora di piu’.

Non penso di conoscere i genitori di Mattia, quelli di Antonella invece, sì.

Per cui, personalmente, vorrei dare una medaglia a papà Attilio, perché se tutti i papà fossero come lui non avremmo problemi a coltivare giovani che si appassionano allo sport, indipendentemente che poi diventino campioni.

L’esempio di Attilio, per fortuna, dalle nostre parti non è unico, ed è anche questo un motivo di orgoglio per la nostra Valle dove, a guardar bene, in certi giorni e in certe stagioni, certi prati di Parlasco trionfano con distacco sui prati della vicina Confederazione rossocrociata.

Buona domenica!

BENEDETTI TESTINA
Riccardo
Benedetti

 



> L’ARCHIVIO DELLA RUBRICA DOMENICALE

 

 

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

settembre: 2015
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930