FRANA DI BINDO, 15 ANNI DOPO ANCHE UNA POESIA: “M’ERA MIGA DORMII…”



Quindes’agn fa
M’era miga dormii, l’era tuta nocc che me speciava de savè cosa l’era capitaa…
Ala matina me sera in quatro sula strada de Perlasc, mi, ol Gian, ol so pa e ol so fradel.
De ben’amaan che se levava la nebia, me comenzava a vedè, anzi, a miga vedè, perché la sostanza l’era che ghera più negot da vedè.
Quel che se vediva miga l’era sota la tera e sota i sass, bocioni che fava pura, gros come na cà.
Lì lìè comenzaa tutt, lì l’è finii tutt.
Chi la ghè capitada ja viif tucc i agn ala stesa manera, chi ghè capità negot l’a desmentegaa des agn fa.
L’è n’utlil scrivela in italiaan, chi che se la regorda al parla dialet tucc i dì, e se ve pias miga come l’è screuda, vardè de ‘nda su n’de la forca.

Scavezzafrasen (Pachera)




MARGNO, IL VICINO: “POTEVO SALVARLI”

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

CODE PER LAVORI A BALISIO

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO