L’INCHIESTA/LA VALLE DELLE SLOT: UN GIOCO (A PERDERE) DA 10 MILIONI ALL’ANNO. E CASARGO “BATTE TUTTI”…



VALSASSINA – “Una monetina a te, una a te, una pure a te, così fanno tre”. È uno scenario impietoso, sconvolgente, che dipinge una realtà dai toni cupi e con risvolti sociali drammatici quello che emerge dai dati del giocato alle slot machine nell’anno solare 2016 in Valsassina. Un problema che non è di altri e che testimonia quanto pesantemente le macchinette riescano ad incidere sulle tasche dei valsassinesi, arrivando a svuotare portafogli per milioni di euro, una monetina dopo l’altra. Gli elenchi sono stati diramati da AAMS – agenzia delle dogane dei monopoli.

slot-machinesNon si arricchisce nessuno, beninteso, e ci impoveriamo tutti perché il fenomeno del gioco d’azzardo indebolisce il tessuto sociale, annichilendo il potere d’acquisto e in alcuni paesi ogni abitante arriva a spendere fino a mille euro all’anno in cerca di guadagni illusori ed effimeri. Un vero e proprio schiaffo a chi minimizza: indubbiamente parte delle cifre giocate sono finti ricavi del gioco stesso che il giocatore non incassa preferendo tentare nuovamente la sorte, ma è altrettanto vero che le slot machine non sono l’unica forma di azzardo legale facilmente accessibile – e a completare l’offerta arrivano gratta e vinci, lotto, scommesse sportive ed altro.

Una Valle che gioca e perde forte con un centinaio di macchinette insaziabili che non aspettano che qualche incauto ci si avvicini; una vera e propria patologia la ludopatia, che andrebbe affrontata di petto rendendo noti i progetti di prevenzione già in essere, implementandone di nuovi in aree di gioco circoscritte e monitorate come Casargo o Introbio, dove la situazione sembra essere particolarmente grave.

casargo cartello paese e chiesa san bernardinoCASARGO COME MILANO. IL ‘CASO’ BARZIO
Il Lecchese in generale è nelle prime posizioni a livello nazionale di questa spiacevole classifica e il paese dell’Alta Valle spicca tra quelli del nostro territorio, essendo l’unico in cui si spendono più di mille euro a persona all’anno: rovinoso, specialmente se si pensa che Casargo è anche uno dei Comuni con il reddito medio più basso (17 mila euro annui) e con la popolazione più anziana. Per avere un confronto basti pensare che nel Comune di Milano dove il reddito medio è di circa 30mila euro annui il giocato pro/capite annuo è di 1.050 euro. Indubbiamente la statistica è influenzata dalla vicina Crandola – dove non ci sono slot machine – e nel panorama dell’Alta Valsassina è proprio Casargo il paese più recettivo dove quindi giungono anche turisti che potrebbero aumentare il giocato pro-capite dei residenti. Ma se fosse solo questo si applicherebbe anche a Barzio che invece è il paese valsassinese in cui si infilano meno monetine nelle macchinette (“appena” 146 euro a testa all’anno).

INTROBIO
“L’indice di virtuosità” calcolato da AAMS in una scala da 1 a 5 tiene conto del grado di permeazione del gioco di azzardo Slot in una determinata area e tra gli indicatori si riportano il numero di dispositivi, il volume di puntate in termini di euro e il numero di abitanti. Introbio e Casargo sono nelle posizioni più basse e nel paese del Centro valle si arriva a spendere 880 euro a persona all’anno:

Comune Spesa totale
per Comune
Spesa annua
pro capite
Numero di Slot “Indice “
(5 ok, 1 male)
Casargo € 852.000,00 € 1.033,00 8 1
Introbio € 1.760.000,00 € 881,00 18 1
Cortenova € 850.000,00 € 715,00 8 2
Cassina V.
€ 302.000,00 € 633,00 4 2
Pasturo € 1.076.000,00 € 531,00 10 2
Ballabio € 2.160.000,00 € 531,00 29 2
Cremeno € 836.000,00 € 526,00 7 3
Margno € 201.000,00 € 523,00 3 3
Pagnona
Primaluna
€ 177.000,00
€ 1.065.000,00
€ 485,00
€ 463,00
2
13
3
3
Taceno € 220.000,00 € 410,00 4 3
Premana € 785.000,00 € 346,00 8 4
Vendrogno € 95.000,00 € 312,00 2 4
Moggio € 98.000,00 € 204,00 2 5
Barzio € 198.000,00 € 146,00 4 5
Crandola V.  —  — 0
Parlasco  —  — 0
Morterone  —  — 0
€ 9.610.000,00 109

CORTENOVA, PASTURO, CASSINA E GLI ALTRI
Scorrere la classifica qui sopra è uno stillicidio e riporta immagini del quotidiano, dove tra le luci ammaliatrici delle macchinette finisce il resto del caffè, poi un venti euro e un altro venti: i videopoker in Valle sono poco più di un centinaio e ogni anno raccolgono quasi 90mila euro ciascuno. I Comuni vacillano, ma anche quelli in cui il giocato “pro capite” è più basso non possono comunque bearsene, perché spesso e volentieri per non essere visto il giocatore seriale si sposta nel paese vicino e questo può distorcere la dimensione del problema, portando erroneamente a pensare che sia “di altri”.

LA CONTRADDIZIONE IMPEDISCE UNA SOLUZIONE?
Un sistema di gioco legale da cui l’erario riceve chiaramente un gettito diretto, ma che si accompagna a costi sociali che col tempo ricadono proprio in capo alle amministrazioni: il cane che si morde la coda ed è impensabile che siano le singole attività commerciali in cui si trovano le slot ad arginare il problema: togliere le macchinette non risolve la questione, se non accompagnato da una cultura del gioco responsabile. Il barista non ha né gli strumenti né i mezzi per affrontare la situazione ed in campo devono scendere le istituzioni sociali.
Valsassinanews è pronta a fare la sua parte, dando risalto alle iniziative che verranno segnalate.

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

CREDI AI NUMERI "UFFICIALI" LEGATI AL CORONAVIRUS?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

STRADE VUOTE, LA VALLE ‘RISPETTOSA’

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO