LE LETTERA/”CHE FINE FARÀ ARTINO? LA GESTIONE ANOMALA DEL TERRITORIO DI PREMANA CONTINUA, LA GIUNTA SGRAVA USI CIVICI A DESTRA E A MANCA”



Dopo lo sgravio dei terreni a favore dei privati lobbisti dell’idroelettrico nelle valli del Forno e di Fraina, un’altra anomala operazione di sgravio dell’uso civico è al punto 11 dell’ordine del giorno del Consiglio Comunale di lunedì 11 giugno. Lo sgravio riguarda 4 immobili di proprietà comunale siti in località Alpe Artino e nello specifico la baita di “Fope Grande”, la baita “Piazza di Asen”, la “sosta Rolatt” e la “Baita Rolatt”.

È alquanto anomalo che la sindaca pro-tempore decida di procedere a tale sgravio.

Si adduce come motivazione il mutamento di destinazione d’uso, ma gli edifici sono di fatto già di proprietà pubblica e mai come adesso si parla di rilancio dell’allevamento e dell’agricoltura di montagna.

Quale miglior utilizzo, quindi, se non una bella ristrutturazione per incentivare la monticazione da parte dei giovani?
Non si capisce quale altra destinazione pubblica tali edifici potrebbero avere, a meno che il Comune non voglia lanciarsi nel campo della ristorazione e dell’accoglienza.

Certo, potrebbe venire un sospetto.. ma è inimmaginabile da parte della popolazione pensare che il Sindaco pro-tempore intenda vendere tali baite ai privati così come fatto purtroppo per le aree sulle quali gravano le centrali idroelettriche …. Queste baite non sono semplicemente quattro “edifici”, bensì quattro luoghi del cuore per tutti i premanesi… cederle a privati vorrebbe proprio dire commettere uno dei peccati …. mortali!

[Lettera firmata]




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

QUALE AREA DELLA VALSASSINA SECONDO TE È LA PIÙ BELLA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...