“SEGNI O SOGNI?” UNA MOSTRA, UNA DOMANDA OGGI E DOMANI A MOGGIO



MOGGIO – Una proposta culturale è prevista nella sala consiliare del Comune di Moggio: questa sera, sabato e per tutto il giorno di domenica sarà allestita una mostra di opere contemporanee dei giovani artisti e narratori Samuela Paoletti e Michele Casadio, interpreti di una montagna che si vuole raccontare attraverso le loro dieci opere. “Segni o Sogni?“. Cinque lavori in bidimensione (quelle della Paoletti) e cinque in tridimensione (di Casadio).

Una mostra “piccola” ma voluta fortemente e sentita in ogni suo aspetto come punto di partenza per una riflessione ben più ampia sugli aspetti della vita montana passata e presente. I due, già legati per collaborazioni relative le loro attività musicali sul territorio della Valsassina, non hanno pretesa se non quella di “provare a fermare chiunque voglia passare dalla mostra per rallentare quei ritmi di cui tutti siamo succubi, per pensare al nostro territorio e alla sua semplice ed intima poetica”. La mostra, patrocinata dal Comune di Moggio, sostenuta da Graziano Combi e dal sindaco Andrea Corti, è curata da Simone Pozzoni, che ne è anche il graphic manager. Ad introdurre il catalogo, le parole del giovane studioso d’arte, cervese d’adozione, Pierre Bonaretti, che sostiene i due amici con grande trasporto e stima.

“Essere giovani non implica una scontata superficialità, anzi, al contrario – commenta Casadio – Intanto sia io che Samuela, laureati all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, siamo attivi nella valle per attività culturali e importanti progetti di diffusione della cultura alpina e popolare. Questo, nel confronto e nello scambio più sincero, ci ha portato ad immaginare e realizzare un momento di offerta artistica che possa portare le persone a lasciarsi trasportare dai nostri racconti. In fondo gli artisti sono gli ultimi cantastorie rimasti, ed attraverso i loro lavori possono esprimere nel migliore dei modi una via per la ricerca della bellezza e spronare alla creatività, quella vera. Inoltre ci lega alle nostre montagne anche la passione per il canto alpino. Non a caso nelle spiegazioni alle opere il pubblico ne troverà senza difficoltà dei chiari riferimenti. Questo perché sia chiaro che operiamo in piena libertà nella sovrapposizione responsabile e metodica di vari linguaggi artistici”.




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO