ALLA SCUOLA DI CREMENO L’ARTE CHE SBRICIOLA LA MAFIA



CREMENO – In occasione della Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime della mafia, il 21 marzo, la scuola secondaria di Cremeno ha realizzato “Opera TEMPORANEA”, un progetto che invita la comunità a riflettere su coloro che hanno perso la vita a causa della criminalità organizzata, una piaga sociale contro la quale tutti siamo chiamati a lottare.

“No alla Mafia” è il messaggio che oltre cento studenti dell’istituto, aiutati dalla collaboratrice scolastica Luana, hanno voluto trasmettere rielaborando parte dell’installazione realizzata l’anno prima “La classe dei banchi vuoti”.

A caratteri cubitali e con l’utilizzo di pennarelli indelebili, emergono prepotentemente sulla parola “Mafia” i nomi di 24 persone vittime dell’organizzazione criminale.

Evitare di lasciare nell’ombra e nel silenzio le tragedie e le vite spezzate da questo fenomeno, risulta quindi fondamentale. I ragazzi, tramite il lavoro lento e certosino realizzato con la professoressa di arte Rita Carlone, sono riusciti a porre attenzione, luce, interesse su nomi che la mafia avrebbe voluto nascondere e oscurare.

L’opera interattiva, invece, permette ai fruitori di partecipare attivamente al lavoro: essi sono infatti invitati a ridipingere le lettere ogni volta che queste si sbiadiscono o si scrostano, senza curarsi della scritta “Mafia” che pian piano si sbriciolerà fino a dissolversi.

Ancora una volta la scuola di Cremeno utilizza l’arte come mezzo di impegno civile grazie al quale trasmettere messaggi di grande spessore e rilevanza sociale.

 

Tags:

I "SONDAGGI" DI VALSASSINANEWS

DROGA IN VALLE, SUFFICIENTE LA RETATA IN ALTOPIANO?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK