PASTURO CAMBIA PELLE. NEL FUTURO SENTIERI IN APP, OSPITALITÀ DIFFUSA E BANDIERA DEL TOURING



PASTURO – “Pasturo si è sviluppato ma senza stravolgere se stesso, ha mantenuto la sua identità agricola e con questa ci apriamo al turismo“. Così il sindaco Pierluigi Artana annuncia alla cittadinanza la ripartenza del progetto Borghi e propone una rete di ospitalità diffusa.

“Il Covid ha frenato la marcia verso il riconoscimento di Pasturo Borgo d’Italia ma ora ci siamo rimessi in moto: l’amministrazione fa la sua parte ma questa visione deve essere condivisa dalla cittadinanza. L’obiettivo da raggiungere è la bandiera arancionedel Touring Club Italiano, simbolo di qualità, ma soprattutto un futuro in cui vivere anche di turismo. Così potremo anche contrastare lo spopolamento”.

Si parla di futuro dunque a un anno dalle elezioni: “È un piano ambizioso che va condiviso perché spetterà alle amministrazioni che verranno portarlo avanti, a partire da chi si insedierà l’anno prossimo” conclude il sindaco.

Al fianco del primo cittadino, nell’assemblea di giovedì sera, consigliere delegato al Turismo Massimiliano Orlandi. “Il turismo delle seconde case esiste ancora ma non è predominante, quello che abbiamo in mente è andare oltre il ‘mordi e fuggi’ per diventare attraenti per un turismo di qualità, che sia coltivato e punti su tranquillità e proposta culturale, bellezza delle montagne e vicinanza con il lago. E per farlo ci siamo appoggiati a professionisti con esperienza”.

Il Comune farà la sua parte: “Stiamo sistemando le strade – interviene Artana – e presto interverremo anche su via Trieste, che è un colabrodo; Enel sta concludendo la sostituzione delle lampade dell’illuminazione pubblica; entro fine anno partirà sia il recupero di casa Carl Lucet, in parte già finanziato da Regione sia il recupero e riqualifica del centro storico di Baiedo. Infine anche la cartellonistica, che verrà resa omogenea”. Sono passi necessari per ambere alla bandiera arancione del TCI, e con questi anche la riduzione del consumo di suolo del 30% “ma non chiedetemi del supermercato – scherza Artana – oggi non è questo il tema”.

Il Comune intanto ha già investito una decina di migliaia di euro che sono serviti anche per una App dedicata ai sentieri, “con itinerari curati direttamente dall’amministrazione – aggiunge Orlandi – quindi affidabile e con informazioni verificate. Oltre al percorso conterrà anche altri servizi come meteo, stato di sicurezza dei sentieri, informazioni per rifugi o agriturismi… Accanto a questa stiamo preparando una cartellonistica con il QRcode corrispondente”.

Sulla ospitalità diffusa, ovvero una proposta per mettere a reddito le case del centro storico, in sala intervengono Claudia Pattarini e Cristina Farina. Si tratta di recuperare gli immobili in disuso mantenendone le caratteristiche, rispettando nella pratica il patrimonio storico. A tal proposito sono in agenda già tre incontri con i cittadini interessati nei prossimi tre giovedì sera in sala consiliare.

C.C.

 

 

I "SONDAGGI" DI VALSASSINANEWS

ELEZIONI 2024, QUESTA VOLTA TANTE SFIDE "A DUE" NEI COMUNI

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK