MILIONI PERSI DAL ‘GAL’, BELLELLI (CONSULENTE CASA DELLE GUIDE): “NON VOGLIAMO FARE POLEMICHE, MA…”



Egr. Sigg.
in data 15 febbraio, con Ordinanza nr. 230/2017, il T.A.R. Lombardia ha rigettato la richiesta di sospensiva del provvedimento di esclusione della Comunità Montrana Valsassina Valvarrone Val d’Esino in merito alla vicenda del finanzuiamento di 5.5 € al costituendo GAL 2 LAGHI

L’ordinanza afferma testualmente che “non sussiste il fumus boni iuris del ricorso”. Tradotto: il ricorso è senza fondamento. Seguirà sentenza del Tribunale nei prossimi mesi che non contraddirà l’ordinanza del TAR.

Conclusione, non per intenti polemici ma per dovere (!) civico del Cittadino Qualunque a cui sta a cuore la res pubblica: sbagliata per un cavillo formale la costituzione di una società e inoltrato un ricorso infondato, il ché in termini monetari significa avere gettato al vento 5.5 € mio per progetti di sviluppo, nonché avere sostenuto inutilmente spese legali coi soldi dei contribuenti.

E’ altrettanto doveroso segnalare contestualmente che, al contrario, i ricorsi delle altre comunità montane interessate dalla sospensiva sono invece stati accolti. Evidentemente avevano una loro ragion d’essere.

Lo scrivente Cittadino Qualunque, attenendosi ai meri fatti su elencati – sottolineo ‘fatti’, non opinioni – senza intenti polemici di sorta si chiede: di tutto ciò chi risponde? Poiché, se nessuno si assume la reaponsabilità dell’accaduto, è tragicamente evidente che la PA non ha gli anticorpi per far si che simili, inammissibili errori non si ripetano nuovamente.

Ringraziando per lo spazio riservato porgo i più cordiali saluti

Mi colpisce molto il silenzio civico attorno a questa vicenda, che è indubbiamente grave amministrativamente parlando. In primis il silenzio delle istituzioni, ad esempio i comuni, ma a seguire il silenzio di operatori e cittadini. Non intendo sobillare nessuno bensì rimarcare che in simili circostanze non è possibile stare zitti e – anzi – nei limiti della normale dialettica tra società civile e istituzioni è obbligatorio fare rimostranze. Ci erano stati accordati 5,5 milioni di Euro e ci sono poi stati revocati perché qualcuno ha sbagliato. Lo dice il TAR, non il sottoscritto. C’è un danno oggettivo e consuiderevole arrecato alla valle, e se a operatori, cittadini e istituzioni tutto ciò sta bene, che poi non si lamentino per danni infinitamente minori quando gli si calpesta le due foglie nel proprio orto.

Non è una polemica, è il report nudo e crudo di una vicenda amministrativa civicamente inaccettabile: non è possibile perdere così 5,5 milioni di Euro già destinati al nostro territorio.

Risultati immagini per Davide BellelliDavide Bellelli

consulente marketing
intrernazionalizzazione

.
.

NOTA
La lettera ricevuta è firmata dal dott. Bellelli che si qualifica (correttamente) nella sua veste di consulente. Va sottolineato che, a livello locale, lo stesso autore della lettera ha fornito il suo apporto appunto consulenziale alla Casa delle Guide di Introbio e dunque è soggetto interessato – come del resto la globalità degli operatori turistici ed economici in genere e i valsassinesi tutti – al buon andamento del bando ed alla sua ricaduta sul territorio in termini di finanziamenti.

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

MALTEMPO: FA ANCORA PAURA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728