IL SALUTO/”LIA, ARCHIVIO VIVENTE MAI ASCOLTATO ABBASTANZA”



Caro Direttore
Apprendo con molta tristezza della scomparsa di un personaggio più che caratteristico della vita di Introbio, l’orologiaio Italo “Lia” (così tutti lo conoscevamo).

Vorrei però proporre un ricordo di questa simpaticissima figura, che dal suo negozietto posto in mezzo alla piazzetta principale di Introbio tutto guardava e tutto osservava da ormai molti decenni.

Nessuno forse conosceva il paese meglio di lui: Lia era veramente la memoria storica di Introbio.
Perciò quando si voleva sapere qualcosa del passato, una informazione storica o una osservazione, sapevamo che era a lui che bisognava rivolgersi. Che si trattasse di Mario Cermenati, un politico radicale lecchese, deputato e geologo, vissuto a cavallo tra Otto e Novecento, e che a Introbio aveva molti sostenitori (Lia si rammaricava che gran parte dei suoi documenti fossero finiti, come tanti altri, a bruciare sulle rive del Pioverna) oppure addirittura più indietro ai tempi di Maria Teresa d’Austria.

ITALO LIA TANTARDINI OROLOGIAIO INTROBIO vertUn mio ricordo particolare risale all’anno 2004: per il mensile Il Pioverna avevamo deciso di pubblicare delle foto antiche di Introbio e della Valsassina.
Lia ci mise a disposizione entusiasticamente il suo vastissimo archivio fotografico: le foto piccole, circa 3-4 centimetri, come si pubblicavano all’epoca, naturalmente in bianco e nero, spesso sgranate e abbastanza difficili da scannerizzare, ma comunque interessantissime, risalenti anche alla I Guerra Mondiale: soldati valsassinesi mandati al fronte, compagnie e reggimenti, ma anche angoli di Biandino e di Introbio, ma soprattutto persone, matrimoni, processioni e sfilate (fasciste).

Ma la cosa più sorprendente è che di persone vissute a volte quasi un secolo fa lui sapeva tutto, vita morte e miracoli: di chi erano figli, che cosa avevano fatto, chi erano e dove stavano i loro discendenti, ecc. ecc. (a volte per me non era facile capire il suo stretto dialetto a volte un po’ biascicato, ma quello che capivo bastava e avanzava !).

Lia era semplicemente un archivio vivente, e l’ennesimo dei miei rimpianti sarà quello di non averlo ascoltato abbastanza.

Grazie Lia per quello che hai fatto e per quello che sei stato: poi se il negozio lo aprivi e lo chiudevi quando ti pareva questo faceva parte della tua personalità, la considererei una protesta ante-litteram agli anonimi supermercati aperti quasi 24 ore su 24, sabato e domenica compresi.

A Introbio mancherà, e parecchio, sia Lia che il suo negozietto: con lui scompare un angolo di vita davvero inimitabile e insostituibile.

Enrico Baroncelli

 







LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

INCENDI ANCHE A FINE OTTOBRE: 'SPONTANEI' OPPURE DOLOSI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...