TRADING ONLINE: COME UTILIZZARE LO STOP LOSS



Tra gli strumenti di supporto più importanti nel trading online, bisogna assolutamente menzionare lo stop loss. Strumento fondamentale per la gestione del rischio, è più che utile per porre dei limiti prestabiliti su eventuali perdite legate ad ogni singola operazione effettuata.

Per trarne tutti i vantaggi, è bene capire come funziona e come s’imposta correttamente uno stop loss, in modo da porre le basi per investimenti consapevoli e ben studiati.

A cosa serve lo stop loss?

Uno stop loss, cioè un vero e proprio “stop alla perdita” è uno strumento da applicare per proteggere i risparmi investiti, nel caso in cui il mercato dovesse presentarsi in maniera totalmente opposta alle previsioni.

Il funzionamento è automatico: basterà chiarire la cifra massima che si è disposti ad intaccare al proprio broker, avendo piena consapevolezza delle probabili perdite a cui si va incontro ed agendo, preventivamente, per minimizzarle.

Come impostare lo stop loss

Esistono diverse modalità per impostare lo stop loss, in modo da aver ben chiari gli usi possibili da farne.

Prima di tutto, è possibile mettere lo stop loss a percentuale, decidendo già in partenza quanto si vuole rischiare aprendo una determinata posizione.

Non è tra gli usi dello strumento di gestione rischio più consigliati, in quanto bisognerebbe concentrarsi anche sui livelli tecnici ed avere una più ampia visione dello scenario di mercato.

Molti esperti optano per l’applicazione dello stop loss su supporti e resistenze: indicatore interessante per studiare i futuri trend degli assets selezionati.

E’ possibile anche far riferimento alla volatilità, quella che definisce il frequente cambio di valore di un bene. Con l’ausilio di un ulteriore indicatore, conosciuto come le “bande di bollinger”, si potrà studiare la volatilità di un asset in uno specifico momento della giornata ed agire di conseguenza.

In effetti, si consiglia di combinare l’uso di più strumenti ed indicatori, così da stabilire, nella maniera più precisa possibile, quali potrebbero essere le strategie vincenti da applicare in base alla situazione di mercato.

Stop loss: perché non impostarlo a zero?

Molti utenti credono che impostare lo stop loss a zero possa esser una scelta furba e conveniente per evitare anche perdite minime.

In realtà, è un’operazione molto sconsigliata. I mercati finanziari e ogni bene quotato sono contraddistinti da repentini e continui cambi di prezzo, generando così anche piccole e temporanee perdite.

Applicare uno stop loss a zero significherebbe, automaticamente, rinunciare anche a potenziali profitti, perdendo l’occasione di trasformare un investimento in un concreto aumento del proprio capitale.

Cos’è il take profit?

Bisogna citare uno strumento che, molto spesso, accompagna lo stop loss: il take profit. Ulteriore strumento di gestione del rischio, si applica per continuare a limitare le perdite e, in caso di previsioni corrette, per massimizzare i potenziali ricavi.

Il take profit si applica per determinare un livello prestabilito di profitti da ottenere da un determinato investimento. Si consiglia di non eccedere nell’uso di questi strumenti e di studiare bene i futuri scenari di mercato usufruendo di tutti gli ulteriori strumenti disponibili, in modo da non precludersi alcuna possibilità di ottenere il massimo da una precisa previsione dei trend di mercato.

Trading online: strategie per il rischio

Oltre a poter applicare strumenti come lo stop loss che, se impostato correttamente, può essere un concreto aiuto per non registrare perdite se la posizione aperta si rivelasse opposta alla reale direzione intrapresa dal mercato.

Una strategia evergreen da tenere sempre in considerazione per la propria attività di trading online è la diversificazione. Semplice ed efficace, è attuabile su qualsiasi mercato e per tutte le tipologie di assets su cui si vorrebbe operare.

Diversificare significa equilibrare il proprio portafoglio, selezionando beni diversi e minimizzare il rischio. Ad esempio, nel caso del mercato azionario, sarebbe consigliabile selezionare società che operano in settori differenti: eventuali perdite legate ad un titolo saranno compensate da fasi positive registrate da altri.

Non puntando più del 3% del proprio capitale su ogni singolo investimento, un investitore potrà gestire non solo il rischio, ma anche il denaro di cui dispone col solo obiettivo di ottenere rendimenti positivi grazie al trading online.




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

SCUOLA, AULE IN MUNICIPIO: SECONDO TE SONO OK?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO