INTERNATI NEI LAGER: LA CONSEGNA DELLE MEDAGLIE A BARZIO E CREMENO



BARZIO – Tre medaglie d’onore per i deportati nei lager durante la Seconda Guerra Mondiale consegnate nel pomeriggio a Palazzo Manzoni.

La pandemia da Coronavirus non ha consentito in questa occasione la tradizionale cerimonia a livello provinciale, dunque il prefetto Castrese De Rosa attribuirà i riconoscimenti girando paese per paese: “Un modo per me, che sono in servizio a Lecco da tre mesi, per conoscere a fondo il vostro invidiabile territorio” ha spiegato De Rosa salutando i presenti.

A Barzio sono state consegnate le medaglie per Mario Buzzoni, ritirata dal figlio e per Pietro Elli, ritirata dalla nipote, e per Angelo Invernizzi di Cremeno, ritirate dai figli. Presenti i due sindaci, Giovanni Arrigoni Battaia e Pier Luigi Invernizzi, i quali hanno auspicato che il coraggio mostrato da questi concittadini nel prendere una posizione a costo della loro libertà possa essere d’esempio in questi tempi di indifferenza.

Mario Buzzoni. Idraulico di Barzio nato il 24 agosto 1921, è chiamato alle armi il 25 marzo 1941. Carabiniere, frequenta il corso sciatori all’Aprica riportando la classifica di ‘ottimo’. In servizio a Livigno, torna a Milano dove viene catturato dai tedeschi il 9 settembre ’43 e internato in Germania. Viene rimpatriato il 2 ottobre 1945.

Pietro Elli. Cuoco, nato a Lecco il 26 agosto 1923, chiamato alle armi il 7 gennaio ’43 tra gli Arditi di Trieste. In città viene fatto prigioniero il 17 settembre ’43 mentre cercava di sfuggire alla cattura, e internato nello Sammlager IV D di Torgau Sassonia e in seguito nello Sammlager IV B di Muhlberg Brandeburgo. È liberato dall’Armata Rossa il 23 aprile 1945 e rimpatriato l’8 settembre di quell’anno a Como.

Angelo Invernizzi. Nato a Cremeno il 6 giugno 1916, contadino, partecipa alle operazioni di guerra sulla frontiera alpina occidentale dall’11 al 25 giugno 1940. Il 2 dicembre 1940 si imbarca a Brindisi per l’Albania e partecipa alla guerra greco-albanese. Rimpatriato e trasferito in zona d’occupazione in Francia dal 10 novembre ’42 all’8 settembre ’43. Il 9 settembre viene fatto prigioniero a Tolone e internato a Stammlager VI J di Fichtenhain. Viene liberato dall’esercito americano nell’aprile ’45 e rimpatriato l’8 agosto a Como. Il 16 marzo 1972 gli viene conferita la Croce al merito di guerra per il periodo bellico e l’internamento in Germania.

Cesare Canepari

 

LEGGI ANCHE

MEDAGLIE D’ONORE PER GLI INTERNATI DI MORTERONE NEI LAGER NAZISTI CONSEGNATE OGGI A BALLABIO

TANTE MEDAGLIE D’ONORE A CASARGO E PREMANA: FOTO E CRONACA

INTERNATI: MEDAGLIE PER 54 VALSASSINESI. IN SEI NON TORNARONO DAI LAGER

 




VIDEO: RIFIUTI SOTTO LE ANTENNE

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

CENTRI VACCINALI: MEGLIO "MASSIVI" O "VICINI"?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO