BOBBIO, ECCO COME SARÀ LA NUOVA SEGGIOVIA “ONGANIA”



BARZIO – 1.795 persone all’ora risalendo le pendici dello zucco Orscellera per 900 metri sino all’attuale stazione a monte della sciovia Ongania, è questa la seggiovia quadriposto “Nuova Ongania” che andrà a sostituire il vecchio skilift. Ricevuto il via libera dal consiglio comunale ecco che sono stati pubblicati progetti, relazioni e rendering.

Come si legge nella documentazione prodotta da Itb, si tratta di una seggiovia quadriposto ad ammorsamento fisso, l’impianto avrà una potenzialità di trasporto pari a 1.795,00 persone/ora, con una velocità di esercizio di 2,60 m/s. La partenza a valle sarà ubicata in prossimità delle stazioni di valle della seggiovia Fortino e della più recente Nuova Orscellera (realizzata nel 2014). Verrà realizzata a sinistra (viso a monte) della stazione di valle della seggiovia che risale lo zucco e la stele avrà una distanza di 10 metri dal canale della Valle di Bobbio. La nuova seggiovia risalirà inizialmente le pendici dello Zucco Orscellera lungo il suo versante nord-est, per poi arrivare nei pressi dell’attuale stazione di monte della sciovia Ongania. L’impianto di risalita avrà una lunghezza sviluppata inclinata della linea di circa 935 metri, corrispondenti ad una lunghezza planimetrica fra gli ingressi stazione di circa 920 metri.

I lavori prevedono scavi e riporti di materiale per 2.405 metri cubi, materiale di risulta da fondazioni impianto e posa dei circuiti di linea che sarà opportunamente risistemato in loco, presso la stazione di monte a garantire i dislivelli e le corrette inclinazioni necessari per un utilizzo in sicurezza dell’impianto.

La nuova linea sarà differente dall’attuale e quindi sarà necessario effettuare un taglio di piante che consentirà di ottenere la sicurezza necessaria per l’esercizio e per i viaggiatori. L’agronomo Giulio Fezzi di Lecco spiega che l’intervento comporta la trasformazione di una porzione di bosco di recente formazione, insediatasi su un’area di prateria alpina, di modesta estensione rispetto ai popolamenti forestali limitrofi. La realizzazione dell’impianto non avrà effetti negativi sulla stabilità del suolo e sulla regimazione idrica superficiale e profonda, considerata la limitata superficie occupata dai basamenti dei sostegni e dalle stazioni di valle e di monte. Gli effetti previsti sulla fauna e sull’avifauna sono da ritenersi trascurabili. La trasformazione del bosco proposta prevede inoltre l’esecuzione di interventi compensativi di miglioramento forestale e ambientale.

Cesare Canepari

LEGGI ANCHE

PIANI DI BOBBIO: PRESTO LA 5ª SEGGIOVIA, INNEVAMENTO DELL’ORSCELLERA E PER L’ESTATE PARCO LUDICO E CHIOSCO

 

VIDEO: RIFIUTI SOTTO LE ANTENNE

I "SONDAGGI" DI VALSASSINANEWS

NUOVA COLATA DI CEMENTO SULL'ALTOPIANO VALSASSINESE

  • Basta, stanno distruggendo l'ambiente (50%, 254 Voti)
  • Sì allo sviluppo ma senza pregiudicare il territorio (23%, 120 Voti)
  • Con quei soldi si può investire diversamente (14%, 73 Voti)
  • È la modernità, baby... (6%, 31 Voti)
  • È sempre il solito magna-magna (5%, 26 Voti)
  • L'argomento non mi interessa (2%, 8 Voti)

Totale votanti: 512

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO