INTROBIO, MARTEDÌ AL CIMITERO IL RICORDO DEL RASTRELLAMENTO NAZI-FASCISTA DELL’AUTUNNO 1944



INTROBIO – Introbio dichiarata “zona di guerra”, sottoposta alla legge marziale e occupata dalle Ss italiane. Da lì partirono nell’ottobre del 1944 i rastrellamenti dei reparti Ss e della Rsi sui sentieri per snidare i nuclei combattenti antinazisti e antifascisti. Incendi di fienili, baite, rifugi, fiamme che avvolsero anche al chiesetta di Biandino.

Sei partigiani catturati vennero fucilati al cimitero del paese il 15 ottobre nel punto in cui oggi sorge una lapide con i loro nomi accanto a quelli di altri caduti in Grigna e Biandino in quelle stesse settimane di terrore.

Domani, martedì 15 ottobre, a 75 anni da quegli episodi, una delegazione dell’Anpi Provinciale di Lecco e della Valsassina e le rappresentanze istituzionali e sociali del territorio ricorderanno il sacrifico dei partigiani caduti durante quel drammatico autunno.

 

 

Tags: , , , , , , ,




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COPRIFUOCO CONTRO IL COVID: SEI D'ACCORDO?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set   Nov »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031