IL GRAFFIO/ZAMPERINI PRIMA NERO POI COI NERI, E IL VIMINALE ‘SCOPRE’ MAGGIO



Finalmente ce l’ha fatta, Giacomo Zamperini esponente della destra lecchese è riuscito ad entrare al centro migranti di Maggio di Cremeno.

A gennaio infatti il fratello d’Italia bussava al portone degli “Artigianelli” scortato dalla destra neofascista locale e dalla minoranza comunale, ricevendo picche dalla Questura e dovendosi accampare all’esterno per qualche gelida foto di rito al grido di “dove erano gli amministratori“.

I quali a loro volta si chiedevano dove fosse mai stato il Viminale.

Ieri invece, grazie al passaggio offertogli sul carro della Lega salviniana, in particolare del sottosegretario agli Interni Molteni che da anni bazzica il Viminale (prima con il Conte I, poi con Draghi e riconfermato da Meloni), il consigliere regionale ha potuto visitare la colonia pavoniana ormai da anni dedicata all’accoglienza di profughi e richiedenti asilo. 

Lunedì 29 maggio 2023 da segnare sul calendario dunque: Zamperini ha trovato gli amministratori e la giunta Invernizzi ha trovato il Viminale. Prossimo step, ritrovare anche un po’ di senso…

 

DALL’ARCHIVIO

CASERE DI MAGGIO, LA QUESTURA “STOPPA” ZAMPERINI: NIENTE SOPRALLUOGO NON AUTORIZZATO, “RISCHIO INTEMPERANZE”

POLITICA, LE DESTRE SI CONTENDONO I VOTI SUL C.A.S. DI MAGGIO. ZAMPERINI “DOVE ERANO GLI AMMINISTRATORI?”

MIGRANTI A MAGGIO. OTTO ANNI DI BUROCRAZIA NELLA REPLICA DEL SINDACO, “MA ‘LA VOCE’ CERCA SOLO UN PRETESTO”

 

I "SONDAGGI" DI VALSASSINANEWS

ELEZIONI 2024, QUESTA VOLTA TANTE SFIDE "A DUE" NEI COMUNI

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK