IL DIALETTO DA SALVARE: SU FACEBOOK LA RACCOLTA DELLE PREGHIERE DELLE NOSTRE NONNE



VALSASSINA – Stimolante iniziativa lanciata sulle pagine di Facebook da parte di un iscritto al gruppo Sei Valsassinese se…, nelle intenzioni di Sandra Minonzio la volontà di preservare le origini della Valle raccogliendo le preghiere in dialetto. “Ho da poco cominciato una raccolta delle vecchie preghiere in dialetto delle nostre nonne – introduce la signora -, se non le scriviamo vanno nel dimenticatoio ed è un vero peccato. Volete collaborare con me?”

Un proposito e un piacere personale comunque meritevole di interesse e a cui è giusto dare spazio anche alla luce della divertente commistione tra tecnologia e tradizione: preservare il dialetto attraverso social network, byte e pc è già indubbiamente di per sé una sfida avvincente e che non può che essere portatrice di frutti sani.

Di seguito una preghiera che Sandra ha voluto condividere sul gruppo e da qui a VN.

Sak in spala Signur quel dì, che strak de caminà, me fermaro ai pè, e derbaro el mè sak, senza pudè scunt propri negot Signur, ve preghi, de vek pietà de mi! Tutt andarà quel dì, su la bilancia: quel che la vedu la gent e che quel sota in funt al sak. L’era resta sotra: ma in del vuial, Signur, cunsideri miga tant quel ghè dent, qunt la distanza che o’ fai nel purtal, e quel che o’ fadiga per tiramel dre tant temp. E per l’amur che undì, el va fai purtà per tucc la Crus, ciapi el mè sak iscì e misericurdius, dim l manera de pusà, Signur.

R. P.

 

 




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

QUALE AREA DELLA VALSASSINA SECONDO TE È LA PIÙ BELLA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...