SCANDALO PARCO FAUNISTICO, LETTERA DA BRUXELLES: LAVORI CONCLUSI E DENARO SBLOCCATO. GETTATI AL VENTO ANCHE FONDI EUROPEI?



BRUXELLES (B) – Parco mai omologato, percorso disabili mai concluso, attività mai partita. Sono tanti i dettagli incompiuti quando si parla dell’area faunistica ai Piani delle Betulle di Magno. E nonostante ciò non poche sono anche le centinaia di migliaia di euro di denaro pubblico investite – o allo stato dei fatti meglio dire “buttate” – tra cui, pare, anche fondi europei. Si tratta di poco più di 200mila euro, sbloccati da Bruxelles non appena arrivò dall’Italia la conferma che i lavori erano stati portati a termine.

parco faunistico betulle percorso disabili 4La situazione attorno al non-parco faunistico è assai complessa: pensato e messo in cantiere una decina di anni fa dalla Comunità montana Valsassina insieme ai Comuni di Margno e Casargo in un progetto di “osservatori faunistici” (con Pra’ Cainarca vi era infatti anche Ombrega), la struttura non era conforme ad ottenere la certificazione di parco zoologico e come semplice recinto venne affidato a una cooperativa sociale lecchese, la Kwa Kusaidia di Vito Maria Straniero, la quale due anni fa fallì, prima di aver portato a regime le iniziative per cui il “parco” era stato pensato, e abbandonando al loro destino gli ungulati acquistati e ceduti loro dalla Provincia di Lecco.

L’inchiesta di Valsassinanews e la misteriosa morte di una cerva hanno portato anche la Procura di Lecco ad interessarsi della vicenda che dalla Valsassina si è allargata dal capoluogo sino a Colico (dove la Kwa fallendo ha lasciato in pessime condizioni anche l’agriturismo al Forte di Fuentes).

Questa lunga storia oggi raggiunge pure Bruxelles, precisamente gli uffici e il denaro dell’Unione europea. Arriva infatti dalla Direzione generale per la politica regionale e urbana della Commissione Europea la conferma dello sblocco, nell’ormai lontano 2011, dei 207mila euro che avrebbero cofinanziato l’investimento di 414mila euro per il progetto del 2005.

parco faunistico betulle cervi 3Una volta ricevuta dall’Italia la “relazione di attuazione finale” che certificasse il compimento dei lavori previsti nel progetto il cofinanziamento è stato concesso (riportiamo in calce lo stralcio del documento).

I dubbi sorgono spontanei. Quali sarebbero i lavori certificati come conclusi nel settembre 2010 se ancora ad oggi, maggio 2017, è all’evidenza di tutti che i manufatti non sono stati completati? Come vennero quindi spesi quei 414mila euro di soldi pubblici, di cui il 50% proveniente dai fondi europei? Si può ipotizzare una errata comunicazione tra enti locali e Commissione Europea? E nell’eventualità, di chi sarebbe la responsabilità della relazione inviata a Bruxelles?

commissione europeaIl programma [il DocUP Obiettivo 2 per il periodo 2000-2006 in Lombardia] è stato chiuso nel 2011 dopo che tutte le verifiche richieste dalle normative applicabili sono state eseguite dalle competenti autorità italiane e dalla Commissione europea.

Secondo le informazioni fornite nella relazione di attuazione finale, trasmesse alla Commissione europea nel settembre 2010, il progetto “Progetto per la realizzazione di osservatori faunistici per lo sviluppo di attività didattiche, culturali e turistiche. Ripristino di tracciati preesistenti e recupero del patrimonio edilizio storico architettonico”, è stato cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) nell’ambito della misura 2.2 del programma Lombardia nel periodo 2000-2006, relativo allo sviluppo delle infrastrutture per il turismo.

Il costo totale del progetto era di 414.007,28 EUR, di cui EUR 207.003,64 dal FESR. Il progetto, approvato nel settembre 2005, è stato conforme alle informazioni disponibili completate e rese operative entro il termine per la trasmissione della documentazione di chiusura (settembre 2010).

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

LA VALSASSINA È BELLA MA...

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO