GIALLO SULLA MORTE DEL PICCOLO LIAM. MORTO PER SOFFOCAMENTO, MA NON SI SPIEGANO LE FRATTURE ALLA TESTA



LECCO – Il piccolo Liam è morto per soffocamento. Questa la conclusione a cui è arrivato il pool di esperti nominati dal pm Cinzia Citterio per far luce sulla morte del bimbo di Ballabio, deceduto il 15 ottobre scorso a soli ventotto giorni di vita.

Lo riporta Andrea Morleo su Il Giorno. In realtà i consulenti sembrano giunti a questa conclusione per esclusione: siccome il bimbo non è morto a causa delle due microfratture riscontrate nella parte temporale del cranio e nemmeno si tratta di una morte in culla, allora è stato soffocato.

ospedale_manzoniE questa è un’anomalia secondo Valentina Vasino, il consulente nominato dall’avvocato Sangalli che difende i genitori, indagati insieme ai medici del “Manzoni” che si erano presi cura del bimbo nei due giorni precedenti alla morte. Nelle osservazioni della Vasino il fatto che nei polmoni di Liam non vi fosse più aria, mentre nei tessuti v’è segno di necrosi.

Le due fratture sul cranio sono un altro mistero. Quel che pare certo – continua il giornalista della redazione locale de Il Giorno – è che non sono compatibili con uno schiacciamento provocato da dita adulte perché non ci sono ecchimosi e soprattutto la frattura è netta e invece dovrebbe essere “a rete”. Non si tratta nemmeno dei postumi di una caduta altrimenti non sarebbero perfettamente simmetriche. In questo modo sarebbe esclusa la volontarietà di un eventuale gesto da parte dei genitori, che comunque restano – secondo le indiscrezioni – i maggiori sospettati.

E ancora chi tra mamma e papà avrebbe compiuto un gesto simile? Quale sarebbe il movente per i due giovani genitori che prima di quella tragedia avevano portato lo stesso bimbo due volte al Manzoni? E qui entrano in gioco anche i due accessi, importanti a loro modo nell’inchiesta. Il primo (dal 1° al 3 ottobre 2015) giunge a seguito di una caduta accidentale dalle braccia della mamma: il bimbo viene dimesso senza alcun esame. Liam però non sta bene, mangia poco e presenta due rigonfiamenti alla testa: sei giorni dopo (6 ottobre) mamma e papà vanno di nuovo in ospedale dove viene fatto il “baby shake” (il test per capire se il bimbo è stato scosso) e una radiografia nella quale però non c’è alcun accenno alle microfratture distali.

 

DAL NOSTRO ARCHIVIO:

BIMBO DECEDUTO A 28 GIORNI A BALLABIO, NON C’E’ ANCORA L’AUTORIZZAZIONE ALLA SEPOLTURA

27 ottobre 2015

LECCO – Ulteriori accertamenti saranno necessari prima dell’autorizzazione alla sepoltura del corpicino di L. N. il bimbo ballabiese di meno di un mese scomparso in circostanze evidentemente non ancora ben chiarite se i tre super esperti – l’anatomopatologo Paolo Tricomi, un patologo neonatale e un radiologo – incaricati  dal sostituto procuratore della Repubblica Cinzia Citterio, […]

 

BIMBO DI BALLABIO MORTO A 28 GIORNI: UN LEGALE PER LA FAMIGLIA, DUE MAGISTRATI AL LAVORO, BEN TRE MEDICI PER L’AUTOPSIA AL ”MANZONI”

21 ottobre 2015

ospedale_manzoniLECCO – Accertamenti medici extra compiuti all’ospedale Manzoni da un vero e proprio “pool” di professionisti dopo l’apertura di un fascicolo di indagine da parte della Procura di Lecco. Così prosegue la vicenda legata alla prematura scomparsa, in circostanze evidentemente ancora non chiarite, del piccolo L. N. di Ballabio morto giovedì mattina prima ancora di […]

 

BALLABIO, NUOVI ACCERTAMENTI DOPO LA MORTE DEL BIMBO DI 28 GIORNI

20 ottobre 2015

LECCO – Sarà ancora l’anatomopatologo Paolo Tricomi a svolgere un nuovo accertamento sul corpo del piccolo L. M., il bimbo di Ballabio morto la scorsa settimana a soli 28 giorni. L’autopsia effettuata venerdì avrebbe infatti evidenziato possibili lesioni interne, senza invece tracce di violenza esterna. Una quindicina di giorni fa lo stesso bimbo era stato […]

 

AUTOPSIA A LECCO PER IL BIMBO DI BALLABIO MORTO A SOLI 28 GIORNI

17 ottobre 2015

ospedale manzoniLECCO – Ne dà conto oggi il quotidiano “Il Giorno“, sulle cui pagine lecchesi un ampio articolo riferisce dell’autopsia e delle indagini disposte come sempre in questi casi – anche se l’ipotesi prevalente è comunque quella della cosiddetta “morte bianca” dizione comune per la sindrome della morte improvvisa del lattante. Il magistrato di turno che […]

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

MALTEMPO: FA ANCORA PAURA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO