DECRETO TRASPARENZA, GIÀ DUE DIMISSIONI IN SENO ALLA COMUNITÀ MONTANA



Il resoconto di ieri sull’avvicendamento tra i due Pandiani (dentro Pierfranco, fuori l’omonimo Marcello) era in qualche modo "orfano" delle motivazioni. Che emergono ora e fanno il paio con un altro caso analogo. Sempre di dimissioni si parla, infatti, e causate dalla stessa problematica ovvero dal famoso "D.L. Trasparenza", che obbliga gli amministratori di soggetti superiori ai 15mila abitanti a rendere pubbliche le loro dichiarazioni dei redditi – oltre a quelle dei familiari più stretti.

Se ne va dunque il rappresentante di Tremenico in seno all’assemblea della Comunità Montana, lasciando spazio al sindaco del paese della Valvarrone; ma in precedenza c’era stata un’altra lettera di dimissioni, più "pesante" considerato il ruolo del firmatario. Si trattava infatti di Vittorio Rusconi, presidente dell’assemblea della CM, uscito a sua volta in segno di protesta contro il Decreto Legge.

Ne parla diffusamente il presidente dell’ente di Barzio, Alberto Denti, in una comunicazione che vi proponiamo in questa stessa pagina. Ed era stato proprio Denti, qualche settimana fa, a sollevare il caso del D.L. Trasparenza, con un durissimo atto d’accusa – a sua volta diffuso dal nostro giornale.

Ecco le ragioni del presidente della Comunità Montana V.V.V.R.
 

Confermo che, proprio a causa del noto d.l. Trasparenza, i Sig.ri N.Pandiani e Vittorio Rusconi hanno data le dimissioni

da consiglieri della Comunità Montana.

In particolare il consigliere Rusconi lascia vacante il ruolo di Presidente dell’assemblea che verrà svolto, sino alla scadenza

dell’attuale assemblea (maggio 2014),  dal Vice-Presidente Malugani Massimiliano attuale Sindaco di Margno.

Colgo l’occasione per salutare e ringraziare entrambi ed in particolare il Presidente Rusconi per aver svolto il suo delicato

incarico con riconosciuto rigore e grande serietà.

Serietà che l’hanno portato ad essere sempre presente anche alle riunioni di Direttivo, obbligatorie per gli Assessori, ma

facoltative per Presidente e Vicepresidente d’assemblea.

Un’ atteggiamento che dimostra quale sia lo spirito che ha sempre animato l’operato degli Amministratori dei piccoli comuni

in genere e del territorio della nostra Comunità Montana in particolare.

Spirito e convinzione che questo “sistema politico” sta facendo di tutto per mortificare con leggi (come il dl trasparenza) che

“potrebbe” avere valenze positive se calato in contesti amministrativi di medie e grandi dimensioni e che, invece, si trasforma

in profonda ed ingiustificata ingiustizia se calato in contesti piccoli come le nostre realtà montane.

E per descrivere questa “profonda ingiustizia” di cui parlo, anziché un mio ulteriore personale commento, propongo ai lettori di

Valsassinanews una lettera indirizzata al sottoscritto dal Sindaco di Dorio.

Con estrema chiarezza e disarmante semplicità, l’amico Tengattini, ripercorre le difficoltà dell’ essere “Amministratore” di un piccolo

comune ed esprime il proprio senso di impotenza e di frustrazione di fronte ad atti di “vera prepotenza morale” come il citato Decreto.

Questa lettera sicuramente non cambierà le cose spero però possa contribuire a sensibilizzare l’opinione pubblica mettendola nella

condizione di dividere il “riso” dalla “pula”.

 

Cordiali saluti

Alberto Denti
Presidente Comunità Montana V.V.V.R.

SUL TEMA: LETTERA DEL SINDACO DI DORIO ALLA COMUNITA’ MONTANA




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

MALTEMPO: FA ANCORA PAURA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

dicembre: 2013
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031