IL DOMENICALE DI R.B./…E IL SUO NOME NON È JAMES BOND



Vero o falso.
Azione e reazione.
Domanda e risposta.
Realtà e fantasia.
Innocenti e colpevoli.

(Il domenicale – R .B. – 21.8.2016)

 

Non è ancora settembre, direte voi.

E sono lontano almeno millecinquecento chilometri: ma ci provo lo stesso.

**********

CICLABILE ERBACCE (4)Scrivono una lettera a VN. Fotografie dell’ultimo frammento di ciclabile: fino a un certo ponte va tutto bene, poi diventa tutto “quasi triste come i fiori e l’erba di scarpata ferroviaria”, ortiche, erba alta, rami protesi in mezzo alla pista, piazzole di sosta divenute invisibili. Mah! Ci si chiede chi dovrebbe tenere a posto quelle poche centinaia di metri e ovviamente nessuno risponde, come al solito, come sempre.

Innocenti e colpevoli giocano a rimpiattino dandosi le colpe l’un l’altro. Anche qualche lettore è confuso.

Si ode, lontana, una canzone: “La risposta amico mio è soffiata nel vento”.

Sarà. Intanto le ortiche, vento o non vento, continuano a prosperare tra l’indifferenza e lo scaricabarile. E non solo sulla ciclabile.

**********

Domanda.

“Sa che sta andando contromano?”

Risposta.

“Dipende dal punto di vista”

Domanda.

“Lo ha visto il cartello? Questo posto è riservato ai disabili”

Risposta.

“Come vede sul cartello ci sono due segni: quello a destra è il disabile, quello a sinistra è una “P”. Io sono a sinistra. Dove c’è la “P”.

Sì, di pirla.

**********

Non ci crede nessuno ai duecentomila. A dire la verità faccio fatica anch’io.

Vero o falso?

SAGRA G1 GENTEUna volta erano inattendibili i centomila, a volte anche gli ottantamila; poi sono diventati inverosimili i centotrentamila. E giù risate, pernacchie e prese in giro. E dai con i “ma va là”, chi pensate di prendere in giro.

Perciò mettiamo una telecamera che registra tutte le auto in uscita. Ce n’è una sola, per cui è facile, almeno sembra.

Lo facciamo la prima volta nel 2014 e il risultato ci lascia di stucco. Settantunomila e spiccioli.

Vero o falso?

Chiediamo alla telecamera che però ha una sola risposta. Vero.

sagra traffico auto parcheggi 1Riproviamo nel 2015. Settantatremila.

Vero o falso?

La telecamera conferma, non ha dubbi.

Non c’è due senza tre. 2016: settantanovemila in nove giorni. Ottantottomila in dieci. Perbacco!

Vero o falso?

Non importa: continua a non crederci nessuno. RB, però, ha un dato sensibile che non rivelerà mai secondo il quale duecentomila è un numero ..……. .

Vero o falso?

**********

Panda scura, signore sui settanta vestito di scuro e occhiali scuri.

“Signore, scusi, non può parcheggiare qui. E’ riservato ai disabili”.

“Sono dei servizi segreti. Vuole che nel giro di cinque minuti le faccia arrivare qui tutto l’esercito?”

“Si accomodi pure”. E invasione sventata.

Anno dopo, si inaugura la Sagra.

Panda scura, signore sui settanta (più uno) vestito di scuro e occhiali scuri: parcheggia tra i disabili.

“E’ già iniziata la cerimonia di inaugurazione?

“Sì, è quasi finita”

“Speriamo non si siano accorti che i servizi segreti sono arrivati in ritardo”.

“Già, speriamo”.

Realtà e fantasia: qual è il confine? Ma, soprattutto, esiste un confine?

*********

Arriva il politico ed entra in azione.

Matteo Salvini Sagra 03Faccio assieme a lui ed a tanta altra gente un giro tra gli stand. Mi chiede, gli spiego; si sorprende, si concede, stringe mani, sorride, torna indietro se si accorge di aver dimenticato qualcuno.

Che altro avrebbe potuto (o dovuto) fare?

Certo, non è simpatico a tutti: non ama le mezze misure, usa l’accetta e vorrebbe usare la ruspa; cavalca un’onda che oggi lo tiene a galla, domani chissà cosa ne sarà delle sue parabole.

Reagisco.

Matteo Salvini Sagra 08Sono finiti i tempi in cui i politici duravano due vite dei comuni mortali. Vedo gente che viene e gente che và, comici che vincono le elezioni e forse governeranno per combattere i quali si fanno scendere in campo altri comici che ridono mentre leggono Dante; vedo figlie di banchieri utili solo al loro specchio capitate per caso al governo, nonno Silvio che continua a voler fare il Berlusconi, un Matteo di qua che bombarda un Matteo di là, più briciole sparpagliate di vecchie comparse. E vedo, senza provare eccessivo piacere, che è definitivamente tramontato il tempo di pensare a “cos’è la destra, cos’è la sinistra”.

Insomma mi trovo in uno stato confusionale e, d’altronde, vivo in uno Stato disordinato e di pochi principi, permissivo e diseducativo, dove le regole vengono scritte per essere interpretate, come l’andare contromano perché dipende dai punti di vista e il posteggiare tra i disabili sotto la “P” di pirla.

CICLABILE ERBACCE (2)Dove se si domanda “a chi compete?”, devi aspettare che soffi il vento per avere una risposta, sperando sia comprensibile, e intanto le ortiche crescono e vadavialcu un pezzo di ciclabile e non solo.

Dove il vero e il falso sono spesso un tutt’uno: centomila, duecentomila, trecentomila, quattrocentomila, che differenza fa?

Sono solo numeri, abbiamo scherzato. Sono solo euri, li abbiamo buttati, magari alle ortiche.

Forse l’unico a sapere tutta la verità (e anche molto, molto di più) è uno 007 settantenne (più uno), vestito di scuro, occhiali scuri, Panda scura.

Il suo nome non è Bond, James Bond, ma non fatelo incazzare lo stesso, altrimenti nel giro di cinque minuti la Valsassina sarà invasa dall’esercito.

Di quale Paese, al momento, non è dato saperlo. Non l’ha detto. Era e rimane un segreto.

Se però fosse quello svizzero…

Buona domenica (e fate un salto alla Sagra dei Territori a bervi una buona birra, mi raccomando!).

BENEDETTI TESTINA
Riccardo

Benedetti
.
 ———-—————————
            > L’ARCHIVIO DELLA RUBRICA DOMENICALE

 

.

 







LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

ECCESSI DI VELOCITÀ: GIUSTO MULTARE "A OCCHIO"?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...