TERRORISMO, VIVEVA DI FATTO A COLICO IL “NUMERO 2” DELL’ASSOCIAZIONE



COLICO – È arrivata fino a Colico l’inchiesta della Dda di Brescia sulla parte della comunità siriana comasca che finanziava il terrorismo internazionale. Nelle ore successive ai dieci arresti emergono infatti ulteriori dettagli sull’associazione e delinquere di stampo transnazionale.

A gestire il vorticoso flusso di denaro e il riciclaggio a favore di gruppi vicini ad Al-Nusra erano infatti Anwar Daadoue, alias “Abou Murad”, stanziato in Svezia, e appunto Subhi Chdid detto “Abou Alì”, 40enne domiciliato in Turchia ma di fatto residente a Ponte Lambro e domiciliato a Colico con la moglie italiana.

> RIVEDI I DETTAGLI su
link-lecconews

 

 

 




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

NUOVA STAGIONE TURISTICA, COME LA VEDI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...