PARATA DI SINDACI PER ANTONIO PASQUINI A CASARGO. “ATTACCHI PERSONALI DISGUSTOSI, MAI PIU’ IL COMUNE AL TAR CONTRO UN CITTADINO”



CASARGO – Ha vinto (largamente) nelle urne e l’insediamento non poteva che essere a sua volta “abbondante”. Una dimostrazione di forza tale da lasciare – letteralmente – senza parola l’opposizione, quella con la quale il neo sindaco di Casargo si è insediato lunedì sera. Non nella auletta dei consigli ma nella sala civica colma di pubblico e con tutti i colleghi borgomastri confinanti (una decina) in prima fila. Più una ‘ciliegina’ rappresentata dalla presenza attiva del presidente del consiglio regionale, il comasco Alessandro Fermi, giunto in Alta Valle a portare il saluto della Regione e “un grande in bocca al lupo a tutti i consiglieri comunali e al paese”. Fermi ha parlato di Aree interne, Cfp e turismo, grandi temi per Casargo e non solo, affermando che “la Regione è a disposizione”.

Niente male per un sindaco giovane e alla sua prima esperienza in fascia tricolore. Ma questo era il “contorno”, politicamente potente seppure esterno al paese in questione. Seduti davanti al tavolo del consiglio, accanto a Fermi i sindaci e rappresentanti di Primaluna, Premana, Margno, Taceno, Crandola, Pagnona, Vendrogno e Valvarrone.

Il discorso di insediamento di Antonio Pasquini è stato a dir poco esplicito. Dopo un avvio all’insegna dell’emozione, nel ricordo delle prime esperienze politiche tra Comune di Lecco, Provincia e poi ancora nella vicina Crandola, il ringraziamento a tutti i sindaci intervenuti e loro rappresentanti: una scelta precisa, quella di dare un segnale di collaborazione perché “la complessità della modernità si può risolvere se i sindaci si mettono insieme e se sanno gestire le problematiche, condividendo i servizi con il coraggio di guardare avanti e capire la complessità di oggi”.

Poi il sassolino dalla scarpa – che nello specifico è un macigno: “Una campagna elettorale molto dura, dove non sono venuti meno i colpi bassi e gli attacchi personali, un modo e un metodo di far politica che non mi appartiene; la mia invece sarà la logica del confronto e dell’ascolto. Non risponderò soprattutto ad attacchi personali disgustosi, l’ho detto più volte nei giorni scorsi: per me la campagna elettorale è terminata il 27 maggio pomeriggio. Sarò sempre disponibile al confronto se questo sarà serio e costruttivo. Sugli attacchi personali al sottoscritto e alla mia famiglia mi sembra di aver porto già troppe volte l’altra guancia e d’ora in avanti risponderò a questi nelle sedi opportune”.

“Il consiglio comunale nella sala civica – ha aggiunto il neo sindaco – è una volontà precisa di amministrazione partecipata; una comunità che partecipa all’attività e alla vita del Comune è il presupposto fondamentale per una etica della trasparenza, come detto in campagna elettorale noi vogliamo veramente coinvolgere i cittadini di Casargo sia in forma singola che associata. Un ringraziamento e un plauso a tutte le associazioni del Comune, anche a quelle non riconosciute come la compagnia che tiene in vita un bellissimo alpeggio. Se ciascuno fa la sua parte, nulla va sprecato”.

Antonio Pasquini ha poi ringraziato le amministrazioni precedenti: “Ognuna ha fatto un piccolo pezzetto, ora tocca a noi fare il nostro, terrò conto di ogni specifica esigenza che non sia in contrasto con l’interesse generale perché quello viene prima di tutto. Ci metterò e ci metteremo tanto impegno e tanta passione e competenza”. Un ultimo grazie a tutti i dipendenti comunali e infine “vogliamo guardare negli occhi tutti i cittadini con la consapevolezza che noi manterremo le promesse e che cercheremo punti di incontro rispetto ai punti di rottura. Non dovrà più accadere che questo Comune spenda 12.000 euro per un contenzioso su un alpeggio; 12.000 euro vogliamo utilizzarli per sistemare i nostri alpeggi, i nostri sentieri, i nostri boschi, i nostri ruscelli, non vogliamo che il Comune porti mai più un cittadino di Casargo al TAR”.

La nuova amministrazione ha annunciato poi un taglio delle indennità degli amministratori, a partire da quella del sindaco stesso, con un risparmio di spesa di circa ottomila euro che andranno investiti per turismo, eventi e cultura.

Confermati poi i nomi degli assessori anticipati ieri da VN (Berera vicesindaco, Acerboni l’altro delegato), con molte importanto materie attribuite anche ai consiglieri di maggioranza e i Lavori pubblici e Tributi allo stesso Pasquini.

E l’omonimo sconfitto? Scena muta. Da Giovanni Pasquini una sola parola (“Presente“)l quando si è trattato di indicare il capogruppo di minoranza e null’altro in aula.
Salvo pronunciarsi poi in modo critico, pochi minuti dopo la fine del consiglio, ma via social.

Di questo tratterà un secondo articolo a breve su Valsassinanews.

S. T.

Tags: , , , , , , ,




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

SAGRA DELLE SAGRE 2020,
SI DEVE FARE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

STRADE VUOTE, LA VALLE ‘RISPETTOSA’

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO