BARZIO, CASA DI RIPOSO CHIUSA ALL’ESTERNO DA 90 GIORNI. LA DIRETTRICE: “SCELTA DIFFICILE MA LA RIFAREI”



BARZIO – Sono passati tre mesi dalla chiusura della nostra Rsa ai visitatori. Novanta giorni. Sembra una vita e nello stesso tempo sembra ieri. Incredibile come la percezione delle cose, del tempo, della realtà siano cambiate in questo periodo. Quello che tre mesi fa sembrava un momento difficile, sta diventando una rivisitazione della realtà, qualcosa che di certo resterà scritto nei libri di storia.

Il sabato che abbiamo deciso di chiudere la struttura (22 febbraio 2020) non era ancora “esplosa” del tutto la situazione in Italia: sembrava prematuro chiudere la struttura ma, a posteriori, sono felice della scelta (difficile!) che abbiamo fatto. Non è stato facile in quel momento (sembrano passati anni) spiegare il “perché”, ma dopo neanche una decina di giorni la realtà è completamente cambiata. Dopo due settimane eravamo tutti increduli di fronte a quello che stava rivoluzionando le nostre esistenze.

E ora siamo qui, vedendo la situazione che migliora ma consapevoli che non siamo ancora al sicuro. Comprendendo le fatiche dei singoli ma volendo ancora agire in tutela del nostri Ospiti.
Parlare sempre con i parenti è stato ed è tuttora fondamentale affinché singoli passi vengano capiti, interiorizzati e condivisi. Sono grata ai parenti per la fiducia che ripongono in noi, felice che gli ospiti siano sereni in questa “fase”, orgogliosa del lavoro fatto da tutti gli Operatori.

Stiamo tutti bene.
Le parole più significative che possiamo dire da 90 giorni a questa parte.
Incrociando le dita e lavorando sempre sodo, ma stiamo tutti bene.

Veronica Bonicalzi
Direttrice della Rsa Casa Sant’Antonio

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, CHE FINE HA FATTO ?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

STRADE VUOTE, LA VALLE ‘RISPETTOSA’

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO