SAGRA, ULTIMA FRONTIERA. DAL DIARIO DEL DIRETTORE – GIORNO ZERO



BARZIO – Come noto ai più, l’esimio autore della fortunata rubrica “Il domenicale di R. B.” corrisponde al nome di Riccardo Benedetti, valsassinese doc già direttore del compianto Pioverna nella sua migliore veste periodica dei tempi che furono, presidente del CSC Cortenova e del Panathlon lecchese e tante altre cose ancora. Tra le quali, da illo tempore, direttore della Sagra delle Sagre.

È in quest’ultima, delle tante sue vesti, che da oggi e fino a Ferragosto compreso R. B. firma una striscia quotidiana dedicata proprio al fierone che come sempre catalizza l’attenzione nelle prime settimane di agosto. Un diario minimo in partenza oggi – giorno di “pre apertura” della Sagra n. 52. Fin qui le buone notizie. Quella meno positiva per i lettori è che in occasione delle due prossime domeniche (6 e 13 di questo mese), la tradizionale rubrica non sarà on line. Egregiamente rimpiazzata però da queste cronache quotidiane.
.

DAL DIARIO DEL DIRETTORE – GIORNO ZERO
5 agosto. Le campane mi svegliano alle 5 e qualche minuto, è il dazio da pagare se abiti a Introbio e per tradizione, in questa giornata, hanno una scarpinata mattutina fino in Biandino. Morale, non dormo più e comincio a pensare.

Non so se il bello deve ancora venire o se è già passato. Il bello – di sicuro – è quando ti trovi nelle sere di inverno e primavera a pensare, progettare, organizzare. Fuori hai questa distesa di ghiaia inerme e grigia che in certi momenti ha la capacità di metterti in soggezione: devi ricordare com’era e immaginare come sarà. Non è difficile se l’hai fatto tante volte, ma ha sempre un suo fascino.

Mi piace girare per la Sagra negli ultimi giorni di allestimento. Mi piace farlo la sera quando non c’è nessuno, sentire i miei  passi sulle assi di legno generare una eco quasi impercettibile, fermarmi, chiudere gli occhi e pensare all’anno che se ne è andato ma, soprattutto, alla velocità con cui è passato.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Poi trovo i primi espositori, quattro chiacchiere, ci si racconta dei propri problemi, in Sagra è difficile, ognuno è concentrato nella parte che interpreta e non c’è spazio per le confidenze.

Incontro Maros, un ragazzone che arriva da Bratislava: l’ultima volta che l’ho visto è stato in aeroporto, prima a Bergamo poi a Bratislava. Sembra ieri, invece mi dice che ha avuto il secondo figlio, ha quattro mesi ed è felice. Ora hanno la coppia e basta così, la famiglia è perfetta e lui è qui a lavorare al ristorante.

So già che ci ritroveremo il 16 agosto a Bergamo e poi a Bratislava, intermezzo su un autobus Ryanair; scomparirà tra la folla e dovrò attendere ancora dodici mesi per salutarlo nuovamente.

Stasera proviamo una novità, si apre alle 18 e ci sarà un bel concerto. L’avevamo fatto anche un’altra volta in passato e, a dire il vero, il tempo (quello meteorologico) non ci aiutò.

Vedremo. È solo il giorno zero, domani si comincia a fare sul serio.

R. B.


MAROCCO SPORTMAROCCO SPORTRubrica quotidiana realizzata
 in collaborazione con

 

MAROCCO NOLEGGIO

Piazza Garibaldi 3/4  – Barzio.   Tel. 0341 996191   www.maroccosport.it

 

 







LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

CHE STAGIONE INVERNALE SARÀ?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...