IL ‘CASO’ DEL CORSO PER BOSCAIOLI.I NUMERI, VALVARRONE AL TOP PER ISCRITTI



Il primo a rimanere meravigliato dall’incredibile successo del corso teorico-pratico gratuito per boscaioli hobbisti.è l’assessore provinciale Carlo Signorelli (promotore dell’iniziativa con la Comunità Montana VVVR): "In effetti, oltre alle circa 400 richieste a fronte di 180 posti disponibili per i corsisti, mi ha molto colpito l’interesse suscitato nei media, non solo locali. Abbiamo ricevuto – racconta Signorelli – telefonate ed e-mail da almeno trenta testate, parecchie delle quali nazionali; ci hanno cercato dai principali quotidiani, dalla Rai, da Radio 24… Insomma questo ‘boom’ di domande per approfondire la conoscenza dell’attività di boscaiolo ha evidentemente colpito, sia i partecipanti sia i giornalisti…".

Le iscrizioni si sono chiuse lo scorso 31 gennaio con circa 400 domande, di cui 358 provenienti da residenti in provincia e una trentina da fuori Lecco. Ma vediamo in modo più approfondito la composizione geografica e sociale di chi ha chieso l’iscrizione: undici le donne, tutte ammesse d’ufficio al primo corso; moltissimi ovviamente gli abitanti della zona tra Valsassina, Valvarrone e sponda est del lago, con alcune "punte" in paesi di piccole dimensioni dove questo genere di attività è diffuso e riveste una notevole importanza. Prova ne sia ad esempio il numero elevato, in proporzione alla popolazione, di domande giunte da Vestreno (ben 27), le 23 di Casargo e i 22 che hanno fatto richiesta da Vendrogno – fa da parametro la cifra totale di 38 nell’intera città di Lecco. I centri più grossi della zona montana hanno registrato 20 richiedenti a Premana e 19 a Primaluna. Di tutti i Comuni dell’area della CM, tra valli e lago, solamente a Esino e Varenna non c’è stato interesse, con le domande a quota zero (anche la quasi spopolata Morterone ne ha avanzata una).

Una curiosità: vari aspiranti sono scartati in considerazione della minore età (c’è al proposito un problema di carattere assicurativo e legale); l’età media di chi ha cercato di iscriversi è intorno ai 50 anni, la fascia anagrafica più rappresentata è quella tra i 35 e i 55 anni mentre circa due terzi dei richiedenti hanno un lavoro e un 12% degli interessati è in pensione. Infine, una voce del tutto destituita di fondamento ma che pure è circolata insistentemente è quella che il famoso corso fosse in qualche modo "obbligatorio" per poter tagliare la legna nei nostri boschi. Gli organizzatori smentiscono decisamente questa indiscrezione, una chiacchiera che ha riempito a dire il vero più che altro le discussioni nei bar del territorio.

 
LEGGI ANCHE:

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

CORONAVIRUS, CHE FARE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

febbraio: 2014
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728