PROCESSO PER LA MORTE DI MALUGANI: ”TUTTI SENZA CASCO PROTETTIVO”



La tragedia avvenne il 20 dicembre del 2010. Accusati di omicidio colposo aggravato il titolare della Malugani Legnami A. M., e ancora G. L., A. S, e G. R. (titolare, legale rappresentante e coordinatore della sicurezza di una società subappaltratice delle opere in corso in quella drammatica giornata). In tribunale a Lecco sono comparsi a deporre i testi del Pubblico Ministero: sono così sfilati davanti al giudice Gian Marco De Vincenzi il maresciallo della stazione dei carabinieri di Brivio, un rappresentante deI Vigili del Fuoco, l’anatomopatologo Paolo Tricomi, un tecnico dell’Asl e alcuni compagni di lavoro di Malugani.

Il quadro emerso è piuttosto complesso, anche per la presenza di varie ditte impegnate nello stesso cantiere; di sicuro, i tre operai della Malugani Legnami non indossavano il casco protettivo fornito loro consegnato dall’azienda di Pasturo – ma quasi certamente anche l’elmetto non avrebbe salvato la vita all’operaio di Crandola, urtato violentemente al volto da una pesante trave di legno sbalzata per errore da un bancale di mattoni spostati in quel momento da una gru (il manovratore ha scelto il ricorso al patteggiamento nell’ottobre dello scorso anno). Il povero Marco era stato soccorso dai colleghi di lavoro ma per lui non c’era stato nulla da fare.

Il processo è stato aggiornato al prossimo 20 maggio quando verranno sentiti i testimoni chiamati dalle difese dei quattro imputati.
 

DAL NOSTRO ARCHIVIO:

 




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

SCUOLA, AULE IN MUNICIPIO: SECONDO TE SONO OK?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO