PRATO SAN PIETRO ANCORA IN FESTA: 102 AUGURI A NONNA MARTINA!



Non è mai facile scrivere di una donna come Martina Galperti, la "nonnina" di Prato San Pietro, che oggi taglia il traguardo dei 102 anni. Non è mai semplice perchè, come lei stessa ci dice, la sua vita non è stata facile, le delusioni sono state tante, ma ci accoglie nella sua casa in via Papa Giovanni XXIII con il sorriso sul volto, lo stesso che l’ha accompagnata per più di un secolo di vita.

Martina Galperti, classe 1912, vive nella sua abitazione attorniata dall’amore della sua numerosa famiglia, oltre all’affetto della popolazione del paese: durante la nostra visita sonostate  tante le persone che hanno voluto venire a salutarla, o chiamarla al telefono, felici di augurarle tanti altri di questi giorni e per complimentarsi per il traguardo raggiunto. 

Madre di quattro figli (Giovanbattista, Elisabetta, Ermelinda, Giovanna), ha passato la sua vita al fianco del marito, Giovanni Cattaneo, sposato nel 1933 all’età di 21 anni. Ci racconta di come la vita sia cambiata da quando era giovane: allora non c’erano le comodità di oggi, e il mangiare era quello che era, sempre uguale, con alla mattina i granèi (una polentina allungata nel latte), a mezzogiorno un piatto di polenta e la sera una minestra, o al massimo un po’ di castagne e patate. Solo a Natale, oltre alla polenta di mangiava il barèl, ovvero l’agnello preparato per la festa, oltre a qualche mandarino o gramolino.

Martina ha una memoria di ferro: ricorda ancora bene i tempi delle scuole, quando i maestri Angelo Bottelli e Maria Berera insegnavano nella elementare dell’allora ancora più piccolo Prato San Pietro, prima di terminare gli studi a Cortenova, dove si facevano la 4a e la 5a sotto il maestro Vanotti

Ricorda distintamente anche la paura che si viveva nel periodo della seconda guerra mondiale, quando i tedeshi rastrellavano i nostri borghi  e una mitraglia era stata montata in un’abitazione del paese. Ma i brutti ricordi spariscono subito ripensando alla sua giovinezza: "Bastava una torta e un fiasco di vino e si faceva festa e si cantava fino a quando era ora di dormire. Alcuni addirittura andavano in strada a mangiare, seduti sulle panchine. Si portavano la minestra per stare insieme". E la festa del paese, dedicata già allora a Santa Maria Maddalena era una vera festa perchè si faceva solo quando il giorno cadeva di domenica, con una processione, il falò in taech e tutto il paese adornato con fiori e porte trionfali.

Anche quando nelle case arrivarono le prime televisioni era una festa: tutti si radunavano nelle poche abitazioni che avevano già la TV o nei bar per vedere il Carosello, Sanremo o qualche evento sportivo di particolare interesse.

Ricordi vivi nella memoria di Martina, che a più di cento anni si dimostra ancora in piena forma, con mente lucida e solo qualche inevitabile acciacco dell’età: "Sto bene, faccio le mie cure ma sono circondata dalla mia famiglia e mi vogliono tutti bene. Non mi sono mai lasciata andare, non mi sono mai disperata se le cose andavano male, sono sempre stata contenta".
Che sia questo il segreto della longevità? Tanti auguri, nonna Martina.

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

febbraio: 2014
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728