CALOLZIO/VALSASSINESE DIFENDE IL FRATELLO, IN 15 LO PESTANO A SANGUE



Un fatto increscioso per le modalità, ancora di più se si pensa a cosa l’ha scatenato: i primi corteggiamenti dell’adolescenza. Un 16enne valsassinese che frequenta la scuola meccanica Enaip di Calolziocorte era da tempo oggetto di minacce espresse anche su Facebook. Intimorito ha chiesto aiuto alla famiglia e quindi oggi a prenderlo fuori dell’istituto scolastico, alle due e mezza, si sono presentati un adulto quarantenne, il fratello ventenne e un altro amico pure lui ventenne. Ma ciò non è servito da deterrente, il quartetto è stato inseguito da un gruppo di giovani facinorosi, forse addirittura una quindicina.

Quando ormai era stata raggiunta l’auto lasciata parcheggiata poco distante dall’istituto professionale, nel parcheggio della chiesa di san Martino vescovo, è arrivato il branco misto pare formato in gran parte da ragazzi stranieri dell’est. Minaccioso ha circondato la vettura colpendola con pugni, alcuni di questi – aperto uno sportello – sono arrivati al fratello del ragazzino vittima di bullismo. I ragazzi, del centro Valle, sono subito ripartiti verso Carenno.

Per fortuna davanti a loro si è materializzata una pattuglia della Polizia Locale di Calolziocorte, la cui attenzione è stata richiamata a spron di strombazzate dell’auto colpita. "Ci siamo fermati e dalla vettura è uscita una persona col volto trasformato in una maschera di sangue, un sopracciglio tagliato e un occhio contuso – ha spiegato Jusva Gariboldi, uno degli agenti soccorritori – Il tempo si ascoltare i fatti, poi ci siamo precipitati nel luogo dell’avvenuta aggressione, ma i responsabili si erano dileguati".

Nel frattempo il ferito è stato portato all’ospedale Manzoni dall’ambulanza dei volontari di Calolziocorte.

Le indagini subito avviate si sono dimostrate difficili, nessuno aveva voglia di testimoniare, ugualmente dal chiacchiericcio intorno agli agenti si sono capiti sia il movente, sia pure in quale direzione cercare gli aggressori, pure indicati anche dal minorenne . Vista l’impossibilità di contare sugli occhi umani, la Polizia locale di Calolzio si è rivolta a quelli elettronici e sta settacciando le immagini di videosorveglianza presenti in zona per risalire agli autori di questo insulso quanto sconvolgente e grave atto.  Domani al rientro del comandante Andrea Gavazzi, verrà fatto il punto della situazione e quindi coinvolta l’autorità giudiziaria.
 

SOTTO I LUOGHI DELL’AGGRESSIONE


Visualizzazione ingrandita della mappa
 


Visualizzazione ingrandita della mappa

 

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

febbraio: 2014
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728