FOSSILI IN VALSASSINA, ANCHE IL NATURALISTA CATULLO NE PARLÒ NEL LONTANO 1843



VALSASSINA – Nei giorni scorsi il professor Tintori, nella conferenza sui fossili tenuta nella sede della Comunità Montana a Barzio, ha invitato i presenti ad “essere sempre curiosi” per comprendere al meglio la bellezza del posto dove abitiamo. Tintori si riferiva soprattutto al non “abbassare mai la guardia” e cercare sempre di informarsi sui fatti presenti, futuri e passati.

Tomaso_CatulloSeguendo i consigli del paleontologo ci siamo messi a “curiosare” utilizzando lo strumento con il quale abbiamo più confidenza, il computer, e consultando Google alla voce “fossili in Valsassina” abbiamo rintracciato una lettera scritta da Tomaso Antonio Catullo, noto naturalista, zoologo e geologo bellunese, nella quale si parla della Valsassina.

Nella missiva, che fa parte del libro Nuovi annali delle scienze naturali pubblicato a Bologna nel 1843, Catullo parla di aver ricevuto in dono da un tale “sig. Curioni”, un esemplare fossile di “sigaretus canaliculatus” ritrovato in Valsassina all’epoca.

sigaretus“L’esemplare trovato in Valsassina si è staccato dal calcare di Valsassina… l’univale appartiene alla famiglia delle Macrostome, Sigaretus e quello di Valsassina è ben cinque volte più grande di altri trovati…”

Curioso vero ? Seguendo i consigli del prof. Tintori, continueremo a “curiosare” per non smettere di imparare.

 

 

LA LETTERA DEL PROF. TOMASO ANTONIO CATULLO 

catullo

 

Fernando Manzoni 

 

titnori

LEGGI ANCHE:

“BISOGNA ESSERE CURIOSI”.
BELLISSIMA LEZIONE
DI PALEONTOLOGIA
IERI SERA IN SAGRA,
TRA LA GRIGNA E LA CINA

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

agosto: 2015
L M M G V S D
« Lug   Set »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31