FOSSILI IN VALSASSINA, ANCHE IL NATURALISTA CATULLO NE PARLÒ NEL LONTANO 1843



VALSASSINA – Nei giorni scorsi il professor Tintori, nella conferenza sui fossili tenuta nella sede della Comunità Montana a Barzio, ha invitato i presenti ad “essere sempre curiosi” per comprendere al meglio la bellezza del posto dove abitiamo. Tintori si riferiva soprattutto al non “abbassare mai la guardia” e cercare sempre di informarsi sui fatti presenti, futuri e passati.

Tomaso_CatulloSeguendo i consigli del paleontologo ci siamo messi a “curiosare” utilizzando lo strumento con il quale abbiamo più confidenza, il computer, e consultando Google alla voce “fossili in Valsassina” abbiamo rintracciato una lettera scritta da Tomaso Antonio Catullo, noto naturalista, zoologo e geologo bellunese, nella quale si parla della Valsassina.

Nella missiva, che fa parte del libro Nuovi annali delle scienze naturali pubblicato a Bologna nel 1843, Catullo parla di aver ricevuto in dono da un tale “sig. Curioni”, un esemplare fossile di “sigaretus canaliculatus” ritrovato in Valsassina all’epoca.

sigaretus“L’esemplare trovato in Valsassina si è staccato dal calcare di Valsassina… l’univale appartiene alla famiglia delle Macrostome, Sigaretus e quello di Valsassina è ben cinque volte più grande di altri trovati…”

Curioso vero ? Seguendo i consigli del prof. Tintori, continueremo a “curiosare” per non smettere di imparare.

 

 

LA LETTERA DEL PROF. TOMASO ANTONIO CATULLO 

catullo

 

Fernando Manzoni 

 

titnori

LEGGI ANCHE:

“BISOGNA ESSERE CURIOSI”.
BELLISSIMA LEZIONE
DI PALEONTOLOGIA
IERI SERA IN SAGRA,
TRA LA GRIGNA E LA CINA

 




MARGNO, IL VICINO: “POTEVO SALVARLI”

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

EVENTI ESTIVI, COSA TI ASPETTI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

agosto: 2015
L M M G V S D
« Lug   Set »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31