COTI ZELATI, UN BALLABIESE AL RALLY FATALE. ”STESSI RISCHI DI ALTRI SPORT. LE GARE SONO LA MIA VITA”



BALLABIO  – Andrea Coti Zelati ha trent’anni ed è un pilota di rally di casa nostra, dai buoni risultati e fortissimo in particolare sul ghiaccio. subaru acz 2Sulla sua Subaru Impreza N4, domenica partecipava alla “Ba…relli Ronde“, la gara nel Comasco che si è conclusa tragicamente quando due rallysti svizzeri hanno perso la vita proprio durante la corsa.

Ad Andrea, che è di Ballabio, la passione per questo sport scorre nelle vene: “Stanotte non ho dormito e mia moglie, alla luce di quanto è accaduto ieri, mi ha chiesto di smettere. Ma io non posso. Vado avanti e non mi arrendo, il rally è la mia vita”.

La domanda sorge spontanea: cosa spinge una persona giovane, oltretutto sposata da poco, a sfidare il rischio e la paura, indossando un casco e montando su auto potentissime, tirando al massimo su percorsi difficili e spesso in contesti pericolosi? “In realtà io credo che a decidere sia il destino: la sfortuna può colpire una casalinga che esce a fare la spesa come anche un pilota… Pensate a Michael Schumacher che ha corso centinaia di volte in F1 a più di 300 all’ora in pista e poi, andando pianissimo sugli sci, gli è successo quello che gli è successo. Da cinque secondi dopo che indossi il casco fino a quando esci dalla macchina può accadere di tutto, ma se hai rispetto per la tua auto e soprattutto per la sicurezza, il rally è uno sport come tutti gli altri”.

Robin Munz (a sinistra) e Stefano Campana (a destra) in due foto tratte da FacebookCoti Zelati ha incrociato i due sfortunati colleghi elvetici Stefano Campana e Robin Munz, 39 e 22 anni, che non conosceva personalmente. “Sì, non li avevo mai incontrati prima ma alla prima prova speciale, dopo che avevo rotto il differenziale alla settima curva, la gara si è fermata per un primo incidente; loro erano tre macchine davanti alla mia, ci siamo fermati lì e abbiamo scambiato due parole, qualche battuta, niente di più. Poi dopo altre due interruzioni per altrettanti incidenti – è stato un rally partito col piede sbagliato – è accaduta la tragedia. Dico la mia: nessuno ha sbagliato, né i commissari né i piloti; purtroppo è esplosa una macchina, un evento certo non frequente”.

E adesso? Davvero nessun dubbio? “No, zero. Nessunissima intenzione di smettere. La Ba…relli Ronde per me era una preparazione in vista del Rally day Valsassina del 20 settembre. Gara con strapiombi e curve particolari, domenica provavo in vista proprio della competizione lecchese. Ora la concentrazione è alla ricerca di un navigatore per quella prova, visto che Davide Bozzo che era con me in Val Cavargna ha un’altra corsa negli stessi giorni”.

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

agosto: 2015
L M M G V S D
« Lug   Set »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31