LA TARIP COME ALTERNATIVA ALLA GESTIONE LECCHESE DEI RIFIUTI SPIEGATA E DIMOSTRATA DAL ‘RUMENTOLOGO’



LECCO – In bergamasca da 20 anni invece che strapagare lo smaltimento si è sovvertita l’abitudine del cassonetto progettando un impianto che tratti tutti i derivati della raccolta differenziata a seconda del valore. Se ne è discusso nell’incontro lecchese proposto dal Coordinamento rifiuti zero.

Da noi sul Lago d’Iseo l’esperienza della raccolta a porta a porta si è evoluta fino alla tarip racconta Enrico De Tavonatti. “La tariffa puntuale è un’invenzione che limiterà le nostre libertà civili, per mettere a disposizione di un grande fratello la nostra spazzatura. Ma funziona, non perché è una tecnologia migliore, bensì perché obbliga ad un’attenzione maggiore. Noi abbiamo progettato un impianto che tratti tutti i derivati della raccolta differenziata a seconda del valore“.

> CONTINUA A LEGGERE su
link-lecconews

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

SAGRA DELLE SAGRE 2020,
SI DEVE FARE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

STRADE VUOTE, LA VALLE ‘RISPETTOSA’

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO