IN TANTI AL SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA NEVE A 182 ANNI DAL VOTO



INTROBIO – Si sono ritrovati in tanti nella parrocchiale di Introbio alle lodi mattutine alle 5:30 per poi intraprendere il percorso di 8 km fino fino al Santuario della Madonna della Neve in Val Biandino e mantenere fede al voto del 1836 nella festa divenuta la più cara agli introbiesi. Fu quello l’anno in cui il colera fece la sua apparizione in Valsassina, mietendo vittime e seminando terrore in tutti i paesi. Il contagio si manifestò in Valle verso la metà di luglio e cessò alla fine di settembre, risparmiando proprio gli introbiesi.

La processione ha fatto sei soste: alla località “ca’ del Dolfo”, a “Felecc” e preghiera, ristoro in località “acqua S.Carlo”, scala-baita degli Alpini e Bocca di Biandino. Preghiere di suffragio per i defunti alle Baite di Biandino, con arrivo al Santuario. Preghiera di ringraziamento e canto ex voto a seguire la messa presieduta dal prevosto don Marco Mauri, don Matteo e seguita dal seminarista Marco Ruffinoni.

Alle 17:30 ritrovo a “ca’ del Dolfo”e processione di rientro fino ad Introbio e benedizione ducaristica in chiesa.

Foto da Facebook

 

VIDEO: RIFIUTI SOTTO LE ANTENNE

I "SONDAGGI" DI VALSASSINANEWS

NUOVA COLATA DI CEMENTO SULL'ALTOPIANO VALSASSINESE

  • Basta, stanno distruggendo l'ambiente (50%, 254 Voti)
  • Sì allo sviluppo ma senza pregiudicare il territorio (23%, 120 Voti)
  • Con quei soldi si può investire diversamente (14%, 73 Voti)
  • È la modernità, baby... (6%, 31 Voti)
  • È sempre il solito magna-magna (5%, 26 Voti)
  • L'argomento non mi interessa (2%, 8 Voti)

Totale votanti: 512

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO