IN TANTI AL SANTUARIO DELLA MADONNA DELLA NEVE A 182 ANNI DAL VOTO



INTROBIO – Si sono ritrovati in tanti nella parrocchiale di Introbio alle lodi mattutine alle 5:30 per poi intraprendere il percorso di 8 km fino fino al Santuario della Madonna della Neve in Val Biandino e mantenere fede al voto del 1836 nella festa divenuta la più cara agli introbiesi. Fu quello l’anno in cui il colera fece la sua apparizione in Valsassina, mietendo vittime e seminando terrore in tutti i paesi. Il contagio si manifestò in Valle verso la metà di luglio e cessò alla fine di settembre, risparmiando proprio gli introbiesi.

La processione ha fatto sei soste: alla località “ca’ del Dolfo”, a “Felecc” e preghiera, ristoro in località “acqua S.Carlo”, scala-baita degli Alpini e Bocca di Biandino. Preghiere di suffragio per i defunti alle Baite di Biandino, con arrivo al Santuario. Preghiera di ringraziamento e canto ex voto a seguire la messa presieduta dal prevosto don Marco Mauri, don Matteo e seguita dal seminarista Marco Ruffinoni.

Alle 17:30 ritrovo a “ca’ del Dolfo”e processione di rientro fino ad Introbio e benedizione ducaristica in chiesa.

Foto da Facebook

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

CHE SI DICE DEI VALSASSINESI FUORI DALLA VALLE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO