LA LECTIO DI DON GRAZIANO: UMILI PER CREDERE



Abbiamo bisogno di fidarci di Gesù e accettare il chiaroscuro della fede senza credere alla psicosi, che genera meccanismi magici nel voler capire tutto! Perché è tanto difficile per noi credere, fidandoci di Dio e abbandonandoci a Lui?

Non ci può essere vera fede senza una profonda umiltà! Il centurione di Cafarnao, di cui ci parla il Vangelo, è modello per noi! Tutti i grandi credenti della storia sono stati profondamente umili davanti a Dio e agli altri, anche se erano grandi personaggi, grandi saggi o grandi santi.

In ogni santa messa, prima della comunione, noi ripetiamo le parole del centurione romano: “O Signore non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma dì soltanto una parola e io sarò salvato!” Ma queste parole non ci serviranno molto se non ricalchiamo l’atteggiamento di fede e umiltà che le ha ispirate.

Chi crede nel Dio santo e misericordioso, quando vede se stesso peccatore e meschino, non può fare a meno di esclamare con sincerità: “Signore, io non sono degno!” Per credere in Dio è quindi necessaria l’umiltà, anche se questa virtù non è molto quotata nel nostro mondo. Infatti l’umiltà sembra non accordarsi con la psicologia aggressiva e trionfalista di cui ha bisogno l’uomo di oggi per farsi valere e aprirsi la strada nella vita.

Tuttavia, solo chi è umile può credere in profondità e completarsi come persona!

Oggi è il giorno di ripetere con convinzione le parole del centurione romano: “O Gesù, dacci umiltà sufficiente per credere e fede profonda per amare!”

Don Graziano
vicario parrocchiale

Domenica 19 agosto 2018
Tredicesima domenica dopo Pentecoste –
Ciclo B
Rito Ambrosiano
Vangelo Lc 7, 1 – 10




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

CHE SI DICE DEI VALSASSINESI FUORI DALLA VALLE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO