SAN SEBASTIANO CELEBRATO A COMASIRA: “PROTETTORE DALLE PESTILENZE, FORTE PREGHIERA A LUI NEL MEZZO DELLA PANDEMIA”



VENDROGNO – La parrocchia di San Lorenzo Martire in Muggiasca oggi celebra la festa di San Sebastiano, nella frazione di Comasira.

All’inizio della funzione concelebrata da don Simone Zappa e don Angelo Olgiati, viene incendiato il globo a simboleggiare il martirio di San Sebastiano. “Potremmo dire che Sebastiano era uno di noi, nato a Milano era un membro di questa chiesa diocesana a cui noi apparteniamo, l’uomo dei due martiri – racconta don Simone durante l’omelia -. Sebastiano è attraversato dalle frecce, legato a un palo, com’è raffigurato nell’affresco nella chiesa di Comasira, ma la sua forza è stata tale da farlo sopravvivere al supplizio e spingerlo davanti ai suoi carnefici e rimproverarli delle loro azioni malvage e in seguito venne ucciso a frustate. Il suo martirio lo ha reso caro alla devozione popolare, come protettore contro la peste e mai come quest’anno la nostra preghiera a lui deve essere forte nel bel mezzo della pandemia perché lui è un protettore dalle pestilenze”.

Il proverbio della tradizione popolare legato al santo è “San Sebastian con la viola in man, viola o non viola dell’inverno sem fora” (San Sebastiano con la viola in mano, viola o non viola dall’inverno siamo fuori), ad attribuire alla data odierna la fine dell’inverno.

F. S.




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

LA LETTERA DEL "CORVO"

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO