CROCE ROSSA PREMANA: ‘BILANCIO’ DEL 2020 CON UN APPELLO A PENSIONATI, GIOVANI E CASALINGHE: “AIUTATECI AD AIUTARE!”



PREMANA – La Croce Rossa di Premana per voce del suo presidente Sem Rusconi, stila una sorta di “bilancio” delle sue attività nel travagliato anno appena concluso. Sottolineando il valore del volontariato e rivolgendosi a quelle categorie che, come giovani, pensionati e casalinghe, “hanno più tempo” e invitandoli a entrare nella CRI premanese.

Come sempre e come tutti, anche noi abbiamo fatto il bilancio del 2020. Anche se è stato un anno un po’ particolare, le nostre uscite 118 sono rimaste sulla falsa riga di quelle dello scorso anno. In crescita invece sono stati i servizi privati caratterizzati per la maggior parte da trasporti per tamponi, ma anche perché i familiari non volevano accompagnare i loro parenti in ospedale (per visite o altro) causa Covid.

In più i volontari sono stati impegnati anche nel ” Tempo della Gentilezza”, ovvero fare consegne a
domicilio di farmaci e spese ordinarie, e nel portare la biancheria di ricambio alle persone ricoverate perchè, come si sa, in ospedale non si possono fare visite ai parenti; questo servizio è tutt’ora attivo, infatti stiamo svolgendo queste attività nei comune di Casargo, Margno e Crandola.

Per questo, un grande ringraziamento va a tutti i volontari della Croce Rossa di Premana perché non si sono mai tirati indietro per le uscite in emergenza ed il trasporto di pazienti positivi, ma anche tutti i responsabili al vertice del nostro Comitato, in particolare la Presidente Giovanna Gomarabico Brambilla, ed i responsabili dell’AAT di Lecco.

È doveroso ringraziare anche tutte quelle persone che ci hanno dimostrato tanta solidarietà, che ci hanno aiutato con offerte in denaro o con donazioni di materiale tipo forbici, camici e cuffie per proteggerci durante i nostri interventi.

Mi sembra giusto ricordare che l’aiuto in denaro è molto importante, visto che le spese sostenute e che dovremo ancora sostenere, sono state e saranno veramente tante sia per l’acquisto dei DPI sia per l’acquisto del materiale sanitario. Ma per funzionare a dovere l’associazione ha bisogno anche di Volontari, senza i quali, tutto questo non sarebbe possibile.

Il nostro servizio in Alta Valle lo ritengo essenziale; è impensabile che se ne possa fare a meno. Di questo pensiero lo è anche AREU, che ci ha voluto affidare una convenzione continuativa H24, 365 giorni all’anno e che per l’occasione vogliamo ringraziare. CRI Premana ha accettato questa proposta perché ci consente di garantire una sicurezza sanitaria tutti i giorni dell’anno visto che, proprio per la lontananza dal primo ospedale, le richieste d’aiuto sono tante, ed in aumento rispetto allo scorso anno.

Come responsabile C.R.I. Premana, posso dire che negli anni, sul territorio, ho conosciuto volontari fantastici, che conoscono molto bene il significato di VOLONTARIATO e che si rendono sempre disponibili per aiutare le persone in difficoltà. Vorrei, quindi e di nuovo, SOTTOLINEARE l’importanza dei volontari: sono fondamentali perché senza di loro nulla si riuscirebbe a fare. Per questo voglio invitare i giovani a entrare in CRI Premana. Voglio fare lo stesso invito anche a pensionati e casalinghe, che hanno più tempo e potrebbero spenderne un po’ per la CRI. Rivolgo ancora lo stesso invito a tutti anche se, per lavoro, non riescono a dare tanto tempo; però la mia teoria è che con tanti “poco” si può fare un “molto”.  

Rinnovo quindi l’invito verso chi vuole fare qualche cosa per chi ha bisogno di aiuto: infatti, questa associazione fa proprio al caso suo. A settembre, inoltre, speriamo di riuscire ad organizzare un corso per nuovi volontari, al quale Vi aspettiamo numerosi.

AIUTATECI AD AIUTARE!

Sem Rusconi
Presidente CRI Premana




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

NUOVA EMERGENZA CORONAVIRUS: COSA NE PENSI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO