CULTURA/LA BELLEZZA NASCOSTA DELLA VALLE SI MOSTRA ALL’EUROPA



VALSASSINA – Buona la prima per le Giornate Europee del Patrimonio in Valsassina. Un centinaio i partecipanti alle quattro aperture straordinarie a Cremeno, Barzio, Primaluna e Taceno organizzate dalle associazioni culturali La Fucina e Gli Amici della Torre e dalla famiglia Pavoni.

In altopiano la banca del territorio e la parrocchia hanno aperto agli appassionati spazi altrimenti non accessibili proponendo al pubblico i preziosi dipinti. Federico Oriani, storico e animatore culturale locale, ha ben valorizzato i dipinti dei Todeschini – Giovanni Battista, Piero e Lucio – e di Riccardo Galli conservati alle pareti della sala assemblee dell’istituto di credito, affiancandoli ad altre opere concesse da don Lucio Galbiati e da collezionisti privati. A disposizione anche un ricco corredo documentale – da collezione privata – all’interno della quale spiccavano le illustrazioni del Grandi.

Occasione speciale anche per l’asilo parrocchiale di Barzio dove è conservata la pala del celebre pittore romano Francesco Grandi “Riposo durante la fuga in Egitto“. Una storia peculiare quella dell’arrivo dell’opera in Valsassina, legata tanto agli albori del turismo in paese quanto al fermento culturale dell’ex parroco don Alfredo Comi.

Focus sull’archeologia industriale a Taceno, con la famiglia Pavoni che per l’occasione ha riaperto la vecchia officina dove per generazioni si è lavorato il rame. Il mulino, operativo sino a vent’anni fa quando la produzione venne trasferita in uno spazio più moderno, convogliava l’acqua del torrente Maladiga e tramite una ruota attivava il maglio ottocentesco. Finché funzionante il maglio è stato meta di scolaresche da tutta Italia, oggi la bottega conserva tutti gli attrezzi necessari alla lavorazione artigianale del rame facendo della struttura una realtà rara, se non unica, in Europa.

Infine non è stata certo la pioggia a scoraggiare i partecipanti alle Giornate Europee del Patrimonio. Sotto gli ombrelli Marco Sampietro, professore e storico, ha concluso la serie di appuntamenti con la visita guidata al borgo e alla torre medievale di Primaluna. Tra le vie dove è ancora vivo il ricordo della famiglia nobile dei Della Torre, si è giunti al terrapieno del manufatto militare: in decadimento già nel Quattrocento, l’acquisto da parte del Comune ha consentito la realizzazione di iniziali interventi di valorizzazione.

Piccola curiosità, nonché motivo di vanto per il nostro territorio, le quattro iniziative valsassinesi sono state inserite tra le undici preposte italiane, oltre alle centinaia d’oltreconfine, pubblicizzate dal sito internet ufficiale della manifestazione, promossa dal 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea e che si è imposta come la più partecipata degli eventi culturali in Europa.

Cesare Canepari

 

 

I "SONDAGGI" DI VALSASSINANEWS

LA VALLE ACCOGLIE AL "MEGLIO" TURISTI E VILLEGGIANTI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

settembre 2022
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK