Introbio, il consiglio comunaledel ‘botta e risposta’



Piazza Pretorio, genesi e profitti; caso Mariani; cancello Bregaglio, Valbiandino; acqua potabile, controlli e responsabilità; nuovo supporto tecnico comunale e acquedotto Norda spa. Questo e molto altro ancora nelle interpellanze, delle cui puntuali risposte la minoranza si dichiara sistematicamente insoddisfatta, con la stessa determinazione con la quale si manifesta contraria ad approvazione verbali, ratifica variazioni bilancio ed assestamento.

Al termine della loro esposizione è il sindaco a mettere in evidenza le più consistenti tra le variazioni al bilancio e in particolare quelle che riguardano una maggior entrata di 110.000 euro relativi a contributi destinati a specifici interventi di contenimento delle esondazioni ed una di 30.000 euro che finanzieranno grossa parte della famosa passerella sul torrente Troggia.

Dopo la breve discussione tra Elio Spotti ed Eusebio Marconi, dovuta agli interventi fuori programma del secondo, che già aveva rivendicato  la paternità della richiesta di contributi, ricevuti a seguito delle calamità della scorsa estate, e che ora proseguiva la dissertazione nata in seno ad ulteriori richieste, si passa alla pratica Mariani, con l’interpellanza che rivanga una deliberazione datata 2009 e una vicenda ad oggi ancora lontana da una conclusione.

Il cancello del signor Bregaglio lungo il sentiero che conduce al Lago di Sasso e la sua rimozione inaugurano l’interpellanza che occupa il punto numero 6 all’ordine del giorno; le richieste che seguono ci portano in Val Biandino e al rifugio dove i lavori seguono un progetto che recepisce una variante sottoscritta in data 16 giugno 2009 proprio da Marconi.

Tocca alla delicata e pertanto ampiamente seguita questione “acqua potabile”, ai controlli e alla manutenzione degli impianti; al supporto tecnico di cui l’amministrazione si avvarrà per accelerare i tempi relativi a VAS e PGT; a Norda spa e Lago di Sasso.

Alla conclusione delle pratiche avviate nel 2008 per la realizzazione dell’acquedotto della società valsassinese, è mancata la trasmissione alla Provincia della documentazione richiesta al Comune di Introbio e riguardante la necessaria autorizzazione alla captazione. Ora, con la richiesta 2010, si avvia un nuovo iter che prevede il coinvolgimento degli interessati dalle procedure di espropriazione; questi potranno produrre osservazioni, che con il progetto saranno valutate in sede di conferenza dei servizi.

Non spetta al Comune riconoscere la pubblica utilità dell’opera, è tuttavia negli intenti dell’amministrazione favorire lo sviluppo di un’importante realtà economica locale, nella tutela e salvaguardia del territorio: a questo scopo Fernando Rupani parla di costante monitoraggio del livello dell’acqua del Lago di Sasso e riqualificazione della viabilità rurale dalla Bocchetta al Santuario.

 







LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

novembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Dic »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

ECCESSI DI VELOCITÀ: GIUSTO MULTARE "A OCCHIO"?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...