GRATTAROLA, ASTA FALLIMENTARE ANDATA DESERTA. UNA AZIENDA VIVA STA PER MORIRE



Il paradosso della crisi, ma anche il paradosso di una Italia che sta perdendo pezzi, pure preziosi come la lunga esperienza e capacità artigianale del distretto del legno della Valsassina, il mobile massiccio di qualità a marchio Grattarola per esempio. Ieri si è avuta la prima asta fallimentare, ma nessuno si è presentato a chiedere di rilevarla con una base di acquisto di un milione e centomila euro. Certo non bastano per il rilancio, serviranno anche investimenti che ricostruiscano la rete commerciale.

Nessuno si è presentato con una offerta, segno dei tempi. Una volta gl’imprenditori queste occasioni non se le facevano sfuggire. I sindacati, la Cgil nello specifico, lamentano pure un terribile e assordante silenzio delle istituzioni che non mettono sul tavolo nessuna azione di rilancio. Eppure il business ci sarebbe, come dimostra il fatto che la produzione non si sia mai fermata e che una quarantina di lavoratori continuano a presentare al mercato i mobili Grattarola. "L’azienda ha un marchio, sta ancora facendo fatturato" spiega Giuseppe Cantatore della Fillea.

E’ presumibile a questo punto che il tribunale di Lecco predisponga una seconda asta (ne ha l’obbligo) naturalmente il più presto possibile, potrebbe essere entro la fine del prossimo gennaio. Nel caso ancora nessuno avesse interesse all’acquisto  si aprirebbero drammaticamente le porte per la chiusura della storica realtà produttiva di Cortenova. Più che mai in allarme i lavoratori, che ci hanno comunicato quanto segue: "Chiediamo ancora che qualche istituzione  magari  si interessi della situazione di una azienda che ad oggi ha ancora nel complesso circa cento dipendenti, cento famiglie che a breve potrebbero trovarsi tutte su una strada".

 

 

 




‘BLITZ’ A SANT’ALESSANDRO

I "TEST" DI VALSASSINANEWS

VIOLAZIONI DELLA ZONA ROSSA: COSA NE PENSI

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

novembre: 2013
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930