AVIS BELLANO/RESOCONTO DELLA SEZIONE: MENO DONAZIONI MA TANTI CONTRIBUTI



L’aspetto quantitativo è solo una parte, e comunque non necessariamente quella più premiante, che riflette i risultati dell’attività della Sezione bellanese dell’Avis. Per gli amanti delle statistiche la solidarietà degli oltre 1.500 donatori degli otto gruppi organizzati nella Sezione di Bellano (Premana, Pagnona, Margno, Dervio, Bellano, Introbio, Colico, Esino)  ha consentito di donare 2904 sacche ematiche. Di queste le donazioni di sangue intero sono state 2306, mentre di plasma 598.

Un’attività importante e con numeri non indifferenti che, nel computo tra donatori che hanno interrotto la propria attività e neo donatori, ha permesso di registrare un saldo positivo del 2%. Tra gli aspetti più controversi, come ribadito dal presidente sezionale Bernasconi, la minor richiesta di sangue dal Centro Trasfuzionale con una riduzione complessiva dell’attività sezionale pari al 7% rispetto al 2012.

Dati allineati con il trend della provincia di Lecco, come confermato dal presidente provinciale AVIS Bruno Manzini, e che sono la spia di una situazione in cui la sanità pubblica evidenzia alcune difficoltà. Nessun allarmismo, ma la consapevolezza che qualcosa è effettivamente cambiato e ora i donatori, spesso già in difficoltà con i permessi lavorativi, devono anche fare i conti con la mutata prospettiva sanitaria. "Il numero di donazioni rimane comunque superiore a 2 per donatore" – prosegue Manzini – "ed è uno dei valori più alti a livello regionale".

Tra gli altri spunti di riflessione anche il dibattito interno sulla necessità di organizzare le attività dei gruppi attraverso agende informatizzate che consentirebbero ai capogruppo un’attività più diretta, efficente e con meno giri di telefonate. Manzini, pur confermando che il progetto è in cantiere e un gruppo di lavoro si muove in questa direzione, non ha eluso lo scetticismo di Bernasconi che nonostante i tentativi teme che dell’informatizzazione "se ne discuterà anche l’anno prossimo".

Tra le buone notizie la riduzione del tempo di attesa per gli aspiranti donatori. La neo convenzione con un nuovo medico consentirà infatti a livello provinicale di effettuare non più tre visite di abilitazione al giorno ma 5, con conseguente riduzione della lista di attesa, arrivata a circa due mesi.

Avis tuttavia non è "solo" donazioni di sangue e l’associazione, nonostante le difficoltà sullo sfondo legate ai tagli sulla salute e le minori richieste dal centro trasfuzionale, si dimostra un associazione in salute e con un forte legame al territorio di riferimento. In ogni gruppo locale infatti nel corso dell’anno non sono mancate le iniziative: incontri nelle scuole, partecipazione a  eventi sportivi e musicale. Il sostegno alle associazioni locali in particolare ha ridistribuito complessivamente oltre 20mila euro di cui hanno beneficiato diverse realtà del Terzo settore, tra cui la croce rossa, scuole, asili, cooperative.

 

Il tavolo dei relatori/Al centro Bernasconi (pres. Sez. Bellano) e Manzini (pres. provinciale)

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

febbraio: 2014
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728