”BASTA INCENTIVI A CHI DANNEGGIA I FIUMI”. IL CAOS CENTRALI FINISCE A ROMA



Il Cirf, Centro italiano per la riqualificazione fluviale, ha presentato l’appello alla Commissione Ambiente e Attività Produttive della Camera insieme a Legambiente, Wwf Italia, Mountain Wilderness Italia, Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee, Comitato Bellunese Acqua Bene Comune e Forum italiano dei movimenti per l’acqua oltre a numerosi Comitati locali che si battono per la salvaguardia dei corsi d’acqua compresi quelli di Pagnona e Premana.

> Clicca qui per scaricare l’appello

"Subito nuove regole per fermare gli incentivi ad impianti idroelettrici che danneggiano i fiumi, e un impegno concreto per ridurre gli impatti da parte degli impianti esistenti". Secondo i promotori dell’appello nazionale infatti, troppi fiumi versano ormai in condizioni critiche: senz’acqua o con portata completamente alterata, cementificati, interrotti da un numero sempre più elevato di sbarramenti. A soffrire non sono solo quelli principali, ma soprattutto i torrenti e rii di montagna con sempre meno corsi d’acqua alpini che mantengono ancora condizioni di naturalità elevata mentre i restanti corpi idrici sono in gran maggioranza sfruttati da derivazioni a scopo idroelettrico e/o irriguo.

Nonostante le oltre 3000 centrali idroelettriche già esistenti in Italia, i pochissimi corsi d’acqua che mantengono condizioni di naturalità elevata "sono soggetti a una pressione senza precedenti a causa degli incentivi statali alle rinnovabili. Sono ben 2000 le istanze attualmente in fase di valutazione (oltre 1500 nelle regioni alpine e centinaia nelle Regioni del Centro-Sud), che, se realizzate, determinerebbero, per qualche punto percentuale di incremento nella produzione di energia idroelettrica, la derivazione di migliaia di km di corsi d’acqua, inclusi i pochissimi che ancora mantengono condizioni di naturalità elevata".

 

I soggetti firmatari, estremamente preoccupati per questa situazione, avanzano al Governo, al Parlamento e alle Regioni una serie di richieste urgenti per evitare l’ulteriore degrado dei corsi d’acqua, e per promuovere un impegno serio e concreto per una più efficace mitigazione degli impatti sugli ecosistemi fluviali da parte degli impianti esistenti.
Tra le richieste “l’immediata sospensione del rilascio di nuove concessioni e autorizzazioni per impianti idroelettrici su acque superficiali, comprese quelle attualmente in istruttoria, a cominciare dai procedimenti in itinere che ricadono nei ‘siti non idonei’ individuati nelle varie Regioni”, e che i corsi d’acqua – e in particolare quelli di montagna – “vengano considerati un patrimonio di biodiversità, di valori ambientali e paesaggistici da tutelare piuttosto che una semplice risorsa da sfruttare in modo intensivo e indiscriminato”.
 

Sotto: la mappa di concessioni e richieste di concessione che insistono sul territorio di Premana
(il "Comune maggiormente ‘captato’ d’Italia").

 

 

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

ottobre: 2014
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031