LA LETTERA/”SORPASSI SULLA 36 DIR, VIETARE L’ACCESSO AI RIMBAMBITI”



BALLABIO – Ha fatto molto discutere il nostro articolo-inchiesta di qualche giorno fa con le foto di alcuni sorpassi sulla “nuova Lecco-Ballabio”. A diversi lettori infatti non va giù l’idea che sul tratto sotto Versasio sia vietato SORPASSI NUOVA LCB (4)superare i veicoli – specie quelli lenti. E’ una questione strettamente legata al “come” sia nata quella strada, molti si auto-autorizzano a sorpassare e in generale risulta indigesto rimanere in coda in quello che doveva essere il “collegamento veloce” tra Valsassina e capoluogo.

Sul tema abbiamo ricevuto oggi una divertente missiva redatta da un ballabiese di adozione, che volentieri pubblichiamo di seguito:
.

Egregio Direttore,

a proposito dalla 36 DIR, di gallerie, di sorpassi, divieti e dei guidatori.

Premesso che sono uno di quelli che quando vede un “fenomeno” che a velocità folle, in una curva cieca (tutte), inventano un sorpasso a dir poco improbabile, molto poco francescanamente gli auguro di incontrare un omonimo (Imbecille) che abbia avuto la sua stessa (dico identica) idea, ma in direzione contraria. Spero che si facciano male (ma suvvia, non troppo) e che si cachi addosso tanto quanto basta a riempire la macchina con cui compiono “l’impresa”. Non sto qui a scomodare Freud per inquadrare la personalità dei suddetti; non ne sarei capace e non sono questi i soggetti della mia.

Vorrei parlare invece di quei soggetti che compiono “l’impresa contraria”, ovvero viaggiano (parola grossa) a 25 km all’ora, sia in curva che in rettilineo, sia in salita … che in discesa. Ora, dico, d’accordo che questo è un mondo che “va” troppo veloce, d’accordo che la fretta non porta mai dalla parte giusta, d’accordo che ognuno ha i suoi tempi e gli altri devono rispettarli, ma tutto ha un limite (non sto parlando di quello di velocità).

Ci sono quelli dotati di automezzi con motori da 1 cv (un tagliaerba scarso ne ha di più) ai quali dovrebbe essere proibito di circolare se non nel proprio giardino (a questo punto, col casco)

Ci sono le persone anziane, davanti alle quali, mi si creda, mi inchino sia per cultura che per educazione, ma che meritano un discorso a parte riguardo al rinnovo o meno della patente (è una questione di sicurezza sia loro che del prossimo). A proposito conosco una signora molto “in gamba”che da anni viene in Paese, la quale mi disse: «Quando compirò ottanta anni smetterò di guidare, è una questione di prudenza», detto fatto … complimenti.

Ci sono i Tir, quelli che quando arrivi dal paese alla rotonda sulla provinciale, ti fanno dire «Nooooo» (quando va bene), ebbene si, ci sono anche loro. Quando arrivi sono già dentro alla rotonda e …. hanno la precedenza, non ci sono balle. Sono come il serpente di “Snake”, non finiscono più, quando riesci a vedere la targa, l’autista è già al buio in galleria e comunque dietro ci sono già 22 macchine che gli sono in coda da Primaluna, impossibile infilarsi. Ti accodi con incazzosa rassegnazione e incominci a scrutare telepaticamente la personalità del guidatore- sarà un altruista?, avrà avuto una notte “serena”?, da bambino avrà fatto il chierichetto o lo zanza?, mah, speriamo che si fermi nell’unica cosa intelligente che hanno fatto in questa strada, ovvero, la piazzola di sosta dopo la galleria. Procedi a 20 all’ora,con la goccia che ti battezza il parabrezza ogni volta (adesso l’hanno “nascosta”), quasi in apnea, aspettando l’evento. Se raggiunta la fine del tunnel lo vedi li parcheggiato, con gli stop ancora accesi, vorresti un figlio da lui, se invece lo vedi la davanti che procede imperterrito per la “sua strada”, lo insulti da li al Terzo ponte. Impossibile sorpassarlo … una tragedia.

Ci sono, poi, quelli per cui son qui a scrivere: I RIMBAMBITI. Questi hanno, la macchina, la faccia, lo sguardo (lo si vede anche da dietro), il coppino, si il coppino e persino la postura tipica della categoria. Sembra che guidino con tre braccia sul volante ma soprattutto fanno dei movimenti col corpo che ti fanno imbestialire, ovvero, NON SI MUOVONO, sono fissi. Stanno li “incanalati” tra il muro di destra e quella continua (e infinita) riga bianca che hanno a sinistra, collo e mento a 90°, lo sguardo a tre metri davanti , ne uno di più ne uno di meno, degli specchietti retrovisori non ne conoscono neanche l’esistenza e se non hanno nessuno sul sedile di fianco parlano, se invece c’è qualcuno … stanno zitti, mah. Che tu gli stia dietro attaccato o distante, con i fari abbaglianti o no …. a loro non glie ne frega niente, non esisti .

E con davanti un soggetto del genere non ti viene voglia di tentare un “sorpassino”, no?. Va be, mi scopro,… DEVI sorpassarli, è SACROSANTO sorpassarli, è OBBLIGATORIO sorpassarli, a chi non li sorpassa dovrebbero togliere 6 punti dalla patente e fargli l’alcool test (vuol dire che ha bevuto e non vuole insospettire nessuno).

Dovrebbero mettere un cartello enorme agli ingressi della 36 Dir con scritto VIETATO L’ACCESSO AI RIMBAMBITI o meglio, visto che non gli fregherà niente neanche del cartello, uno con scritto- E’ FATTO OBBLIGO AL GUIDATORE NORMALE DI SORPASSARE IL RIMBAMBITO-

Continuate a non sorpassare il rimbambito … continuate. Vedrete dove andrete a finire, … vedrete! Anzi un’idea ce l’avrei : trasformare la casetta degli Alpini in un bel ristoro dove il rimbambito e i suoi seguaci si possono fermare a riposare se stessi e i motori, si si un bel ristoro dove magari un novello Porta (credo fosse lui) possa scrivere sul muro:        

“Fermati o guidatore lento per un’ora almeno      
perche se no ci “rimbambisci” da Lecco a Taceno”                                                                                       
Non me ne vogliate.

 

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO