L’INCHIESTA/ACQUA PUBBLICA A UNA HOLDING? C’E’ CHI DICE “NO”. AD ESEMPIO BARZIO E BALLABIO. E CREMENO SI ASTIENE



LECCO – Quasi tutti i Comuni della Valsassina, l’altra sera a Lecco si sono espressi a favore del conferimento a Lario Reti Holding del Servizio Idrico Integrato, vale a dire la gestione dell’acqua pubblica affidata al colosso delle multiutility locali. Argomento che fa discutere, se è vero che sindaci in rappresentanza di almeno il 27% della popolazione non hanno votato per questa soluzione. Che presenta problemi ancora irrisolti a partire dal fatto che la società in questione ad oggi non avrebbe i requisiti necessari.

Ma sono diversi i punti oscuri in materia, e a questo proposito – a lato della “curiosa” astensione di un Comune del nostro territorio (Cremeno) – va registrata la netta opposizione all’affidamento manifestata mercoledì sera da due importanti amministrazioni locali: Ballabio e Barzio. I due paesi sono tra gli otto municipi, compresa la seconda città della Provincia, Merate, che hanno votato no in sede di conferenza dei sindaci. Abbiamo interpellato i due borgomastri Consonni e Ferrari per comprendere le ragioni del loro dissenso. Ecco le risposte a VN:

ALESSANDRA CONSONNI (sindaco di Ballabio)
“Col voto di mercoledì i cittadini sapranno chi sono i responsabili dei prossimi aumenti delle tariffe dell’acqua. Consegnare il servizio idrico per 20 anni a una società attualmente priva dei requisiti di legge, infatti, potrebbe innescare contenziosi che andrebbero a ripercuotersi sui costi di gestione. Evidentemente non è ancora finita la catena di rincari che negli ultimi 6 anni hanno già determinato l’aumento del 280% delle tariffe dell’acqua nel Lecchese. Certo, come Comune di Ballabio non staremo a guardare passivamente e faremo tutto quanto è in potere nostro per non subire questa situazione. Idealmente, per noi la soluzione sarebbe quella di gestire direttamente il nostro acquedotto: hanno fatto in modo di toglierci anche questa libertà e autonomia, ma noi abbiamo tutto l’interesse a trovare la strada per tornare indietro”.

ANDREA FERRARI (sindaco di Barzio)
FERRARI ANDREA MICROFONO old“La gestione del servizio idrico integrato è stata affidata a una società che (nota ufficio ambito di Lecco del 10.07.2015):

-Dovrà modificare il proprio statuto

-Dovrà essere partecipata dall’ente che affida il servizio idrico integrato
-Dovrà deliberare la fusione per incorporazione di Idroservice, anche con effetto posticipato, al massimo entro il 31 dicembre 2016

Quindi, ad oggi, la società non ha i requisiti”.

.

DA LECCONEWS DI OGGI:

VOTO DEI SINDACI SULL’ACQUA/IL COMITATO TORNA ALL’ATTACCO: ‘CALENDARIO DI BUONE INTENZIONI’

http://lecconews.lc/wp/wp-content/uploads/2013/05/comitato-acqua-pubblica-sala-ticozzi.jpg

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

PRIMAVERA ANTICIPATA

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO