L’INCHIESTA/ACQUA PUBBLICA A UNA HOLDING? C’E’ CHI DICE “NO”. AD ESEMPIO BARZIO E BALLABIO. E CREMENO SI ASTIENE



LECCO – Quasi tutti i Comuni della Valsassina, l’altra sera a Lecco si sono espressi a favore del conferimento a Lario Reti Holding del Servizio Idrico Integrato, vale a dire la gestione dell’acqua pubblica affidata al colosso delle multiutility locali. Argomento che fa discutere, se è vero che sindaci in rappresentanza di almeno il 27% della popolazione non hanno votato per questa soluzione. Che presenta problemi ancora irrisolti a partire dal fatto che la società in questione ad oggi non avrebbe i requisiti necessari.

Ma sono diversi i punti oscuri in materia, e a questo proposito – a lato della “curiosa” astensione di un Comune del nostro territorio (Cremeno) – va registrata la netta opposizione all’affidamento manifestata mercoledì sera da due importanti amministrazioni locali: Ballabio e Barzio. I due paesi sono tra gli otto municipi, compresa la seconda città della Provincia, Merate, che hanno votato no in sede di conferenza dei sindaci. Abbiamo interpellato i due borgomastri Consonni e Ferrari per comprendere le ragioni del loro dissenso. Ecco le risposte a VN:

ALESSANDRA CONSONNI (sindaco di Ballabio)
“Col voto di mercoledì i cittadini sapranno chi sono i responsabili dei prossimi aumenti delle tariffe dell’acqua. Consegnare il servizio idrico per 20 anni a una società attualmente priva dei requisiti di legge, infatti, potrebbe innescare contenziosi che andrebbero a ripercuotersi sui costi di gestione. Evidentemente non è ancora finita la catena di rincari che negli ultimi 6 anni hanno già determinato l’aumento del 280% delle tariffe dell’acqua nel Lecchese. Certo, come Comune di Ballabio non staremo a guardare passivamente e faremo tutto quanto è in potere nostro per non subire questa situazione. Idealmente, per noi la soluzione sarebbe quella di gestire direttamente il nostro acquedotto: hanno fatto in modo di toglierci anche questa libertà e autonomia, ma noi abbiamo tutto l’interesse a trovare la strada per tornare indietro”.

ANDREA FERRARI (sindaco di Barzio)
FERRARI ANDREA MICROFONO old“La gestione del servizio idrico integrato è stata affidata a una società che (nota ufficio ambito di Lecco del 10.07.2015):

-Dovrà modificare il proprio statuto

-Dovrà essere partecipata dall’ente che affida il servizio idrico integrato
-Dovrà deliberare la fusione per incorporazione di Idroservice, anche con effetto posticipato, al massimo entro il 31 dicembre 2016

Quindi, ad oggi, la società non ha i requisiti”.

.

DA LECCONEWS DI OGGI:

VOTO DEI SINDACI SULL’ACQUA/IL COMITATO TORNA ALL’ATTACCO: ‘CALENDARIO DI BUONE INTENZIONI’

http://lecconews.lc/wp/wp-content/uploads/2013/05/comitato-acqua-pubblica-sala-ticozzi.jpg

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COMUNITÀ MONTANA, COSA T'ASPETTI DAI NUOVI VERTICI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO