JIHADISTI DI LECCO “DETERMINATI A REALIZZARE ATTI TERRORISTICI, UCCIDENDO DEGLI OCCIDENTALI”



MILANO – Erano “fortemente determinati a porre in essere atti terroristici, ‘uccidendo gli occidentali’”: lo si legge nelle motivazioni della sentenza con cui a febbraio sono stati condannati con rito abbreviato il lecchese Abderrahim Moutaharrik (il “pugile dell’Isis”) e Abderrahmane Khachia. Il gup di Milano Alessandra Simion ha inflitto ai due, entrambi marocchini, sei anni a testa di carcere; con loro, condannati altri tre imputati, tra i quali Salma Bencharki, la moglie di Moutaharrik col quale viveva a Lecco dopo aver risieduto a lungo con la sua famiglia in centro Valsassina.

> CONTINUA A LEGGERE su
link-lecconews

 

 




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

IN ARRIVO INVERNO E NEVE

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

METEO VALSASSINA




IN VOLO VERSO LA VALSASSINA

VN SU FACEBOOK

LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO