LA LECTIO DI DON GRAZIANO: LA MISSIONE DEL CRISTIANO



La missione del cristiano è dura. Anche quando non infuria apertamente la persecuzione, il vivere cristiano è sempre un andare un andare controcorrente. La fedeltà a Gesù mette personalmente i discepoli in contrasto con quei parenti o connazionali che non vogliono accogliere l’annunzio del Vangelo.

Si può davvero dire che i cristiani sono “odiati” da tutti a causa del nome di Gesù!

Il problema è come comportarsi in simile situazione. Il primo imperativo è essere come pecore in mezzo ai lupo, prudenti come i serpenti e semplici come le colombe. Alla rapacità e violenza del lupo si oppone la mitezza della pecora, il rifiuto di ogni violenza: “Beati I miti, dice Gesù. La prudenza, di cui era simbolo il serpente, è pure una caratteristica del cristiano, che deve valutare la situazione in cui si trova; lo è anche la semplicità della colomba, diventa simbolo di pace.

Il secondo imperativo: vedere nella persecuzione, nei contrasti una situazione propizia per dare testimonianza, per dare ragione della propria fede e della propria speranza. Certo, l’impegno supera le nostre forze, ma Gesù ci assicura il sostegno dello Spirito.

Ed ecco il terzo imperativo: l’importante è perseverare fino alla fine. L’annuncio del Vangelo impegna a tempo pieno e per sempre. La perseveranza, comunque, non esige che uno faccia insensatamente l’eroe!

Gesù del resto ha affrontato la morte solo quando gli fu impossibile fuggire!

don graziano primalunaDon Graziano
vicario parrocchiale

Domenica 20 agosto 2017
Rito Ambrosiano – Ciclo “A”
Undicesima dopo Pentecoste
Vg. Mt 10, 16 – 20

 







LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

INCENDI ANCHE A FINE OTTOBRE: 'SPONTANEI' OPPURE DOLOSI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...