“COME UN GUSCIO D’UOVO NELL’ACIDO”. IL MASSO DI BINDO ULTIMO DI UNA LUNGA SERIE, LE PAROLE DELL’ESPERTO



frana cortenova (3)CORTENOVA – Episodi come quello di venerdì a Bindo sono più che frequenti in Valsassina e Alto Lago, lo conferma Fabio Valsecchi, responsabile della protezione civile di Villa Locatelli intervistato da Il Giorno. “Il territorio lecchese, come quello dell’intera zona prealpina e pedemontana, è a rischio di dissesto idrogeologico – spiega il tecnico alla redazione lecchese del quotidiano -. Molto spesso i fenomeni che innescano frane e smottamenti sono la pioggia e anche il vento, sebbene possa capitare che non sussistano segnali di preallerta e che semplicemente si stacchi del materiale roccioso senza apparente motivo”.

frana cortenova 2“Le rocce del Triangolo lariano – prosegue Valsecchi – sono tutte calcaree e a base di carbonato di calcio, simili a un guscio d’uovo che si scioglie nell’acido. Si tratta in prevalenza di crolli di superficie, dovuti ad alterazioni provocate da fenomeni che disgregano la componente calcarea e a infiltrazioni d’acqua, che di notte ghiaccia aumentando di volume e di giorno si scioglie, soprattutto durante l’autunno e la primavera, provocano instabilità”.

Varenna, Statale 36. Gennaio 2010

Varenna, Statale 36. Gennaio 2010

frana bindo 1

Cortenova, Bindo. Dicembre 2002

 




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

FRANE, LA VALLE E IL LAGO "VANNO A PEZZI": CHE FARE?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...