AI RAGAZZI DEL CFPA DI CASARGO IL CONCORSO AGROALIMENTARE DI CONFINDUSTRIA LECCO-SONDRIO. 1.200 EURO IL PREMIO



MANTELLO (SO) – Il Cfpa di Casargo ha conquistato la settima edizione del concorso agroalimentare promosso dalla categoria merceologica alimentare di Confindustria Lecco e Sondrio, nel corso della disputa in programma oggi, lunedì 14 maggio, all’azienda agricola La Fiorida di Mantello (So) e che ha visto confrontarsi gli alunni dell’Alta Valsassina, l’Istituto Alberghiero Alberti di Bormio, il Professionale Crotto Caurga di Chiavenna, ed il Pfp Valtellina di Sondrio. Il secondo posto spetta a Sondrio, seguito da Bormio, terzo in classifica. Ai chiavennesi invece una speciale menzione per la miglior presentazione del menù.

A giudicare le proposte dei giovani studenti partecipanti al concorso la giuria presieduta dallo chef Claudio Prandi e composta dallo chef Fernando Bassi, dallo chef Enrico Derflingher, presidente di Euro-Toques International, dall’executive chef Alfredo Peloni, dallo chef Gianni Tarabini, dal sommelier Giuseppe Vaccarini e dagli imprenditori Claudio Alongi, Maurizio Giboli, Alessandra e Federica Padelli, oltre che dal presidente della categoria merceologica alimentare di Confindustria Lecco e Sondrio Emilio Mottolini, sommelier, e dal funzionario dell’associazione, Velda Mozart.

Oltre ai premi messi a disposizione da Confindustria Lecco e Sondrio – il corrispettivo di 1.200 euro per il primo classificato, 600 per il secondo, 400 per il terzo e 200 per il quarto, tutti da investire in materiale didattico – ogni studente della squadra vincitrice ha ricevuto un set di coltelli professionali donati da un’azienda premanese, la quale ha omaggiato di un coltello anche tutti i componenti delle squadre aggiudicatesi il secondo e terzo posto.

Le quattro squadre hanno proposto alla giuria una colazione di lavoro composta da tre finger food, un piatto unico e un light dessert. Per il piatto unico gli aspiranti chef hanno dovuto utilizzare carne di manzo di secondo taglio, abbinata ad un prodotto delle province di Lecco e Sondrio tutelato da marchio MCG oppure DOP o IGP. Il tutto rispettando il limite delle 950 chilocalorie complessive esclusi i vini, anch’essi di provenienza territoriale. Caratteristiche dei piatti e menu sono stati presentati anche in lingua inglese.

Le squadre partecipanti erano composte da due allievi di sala del terzo anno, per l’allestimento del tavolo e la predisposizione del menu, un sommelier del terzo anno, al quale è stato affidato l’abbinamento dei vini, tre allievi cuochi del terzo anno, impegnati nella preparazione dei piatti, oltre a un insegnante di cucina e un insegnante di sala per supportare gli allievi in gara con consigli e suggerimenti.

“Se il nostro concorso agroalimentare è arrivato alla sua settima edizione, diventando un appuntamento atteso dagli studenti e dagli istituti del territorio è anche grazie ai professionisti e alle aziende che, di anno in anno, danno la loro disponibilità per la sua realizzazione – sottolinea Lorenzo Riva, presidente di Confindustria Lecco e Sondrio. A tutti loro voglio dire grazie, perché hanno reso possibile la crescita di un’iniziativa che contribuisce a perseguire un obiettivo per noi essenziale: l’avvicinamento fra giovani, scuola e mondo produttivo”.

“Siamo orgogliosi dei giovani che oggi abbiamo visto competere con grande impegno, sappiamo che si sono preparati molto per questa giornata e siamo contenti di poter essere stati da stimolo perché accettassero la sfida di mettersi in gioco, con le loro competenze e con la passione che auguriamo loro di mantenere nel corso di tutta la loro vita – evidenzia Emilio Mottolini -. I piatti che abbiamo assaggiato erano tutti di alto livello, e questo è fondamentale, ma credo non vada scordata l’importanza del servizio in sala e la presentazione dei piatti. Le preparazioni ed i prodotti proposti devono essere comunicati in modo corretto, cosa che è possibile solo se esiste una buona sintonia fra cucina e sala. Non dimentichiamo poi l’importanza dell’abbinamento cibo-vino: in Italia e sul territorio abbiamo molte eccellenze che ci consentono di proporre connubi unici da valorizzare, soprattutto nei confronti della clientela straniera”.

 

“È già il terzo anno che sono coinvolto nel concorso e mi fa piacere vedere sempre una grande e bella partecipazione da parte degli istituti e soprattutto degli alunni, che dimostrano di tenere molto a questa iniziativa. Senza dubbio si tratta anche di un’occasione importante per lo sviluppo della loro professionalità – evidenzia lo Chef Claudio Prandi, presidente della giuria del concorso. Di anno in anno notiamo in particolare un impegno sempre maggiore nell’utilizzare prodotti caratteristici, e quindi una valorizzazione della regionalità e della territorialità, ma riletti in chiave innovativa. Questi giovani si stanno ponendo nel modo migliore per affrontare il futuro della loro professione”.

 

 

 







LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

INCENDI ANCHE A FINE OTTOBRE: 'SPONTANEI' OPPURE DOLOSI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...