BOOM DI PRESTITI PERSONALI: GLI ITALIANI SI INDEBITANO PER ACQUISTARE UN’AUTO



Stipendi medi tra i più bassi d’Europa e caro vita motivano la crescente richiesta di prestiti personali degli italiani, +14.6% nei primi nove mesi del 2017. Ma per quali acquisti e quanto si indebitano gli italiani? E a cosa dovrebbero dare attenzione? Un viaggio nel mondo dei prestiti personali per rispondere a queste domande.

Con il 34% le auto sono al primo posto delle domande di prestito
Il potere d’acquisto è depauperato e far quadrare i conti per gli italiani risulta difficile. Gli stipendi non si adeguano al costo della vita, con un reddito medio annuo di 21 mila Euro l’Italia è nona tra i Paesi dell’Unione, e ben che distante dagli Stati che la precedono. Cresce così il numero di italiani che si affida ai prestiti personali per effettuare acquisti ordinari. Le auto sono il bene più gettonato. Poco importa se nuova o usata, l’auto è in cima ai desideri e alla necessità degli italiani. Il 34% delle domande di prestito è finalizzata all’acquisto di una vettura: usata per 18% e nuova per 16%. Seguono le richieste per elettrodomestici ed elettronica (16%) e per ristrutturazioni ed efficientamento energetico (15%). Rivestono carattere residuale i finanziamenti personali per spese ludiche e di piccola mobilità: l’1% chiede prestiti per viaggi e il 3% per ciclomotori e motoveicoli. Infine l’8% domanda un prestito per consolidare impegni presi, ovvero per ripagare a condizioni migliori prestiti contratti in precedenza.

Prestiti personali in cifre: quanto si indebitano gli italiani per un’automobile
Ammonta a 15,5 miliardi il valore dei finanziamenti richiesti nel 2017 dagli italiani per automobili o motociclette: +10,2% rispetto al 2016 e +33,9% rispetto al 2015. Qual è il valore dei finanziamenti erogati? 13.000 Euro l’importo medio finanziato per le auto e 4.150 Euro per le moto. Secondo i dati registrati dalla ricerca sono cifre elevate, che richiedono alle famiglie una disponibilità economica tale da spiegare il costante incremento dei finanziamenti nel tempo.

Come scegliere un prestito personale?
Il Web è un’ottima fonte d’informazioni. Chi rientrasse tra gli italiani decisi a chiedere un prestito personale per acquistare un’auto può affidarsi a Internet sia per cercare informazioni sui prestiti delle banche, sia per effettuare la richiesta del prestito stesso. Uno strumento utile per orientarsi sono i comparatori online, che consentono di confrontare le informazioni più importanti sui prestiti dei vari istituti di credito. Gli utenti interessati hanno la possibilità di fare su Facile.it una simulazione online per un finanziamento auto, così da confrontare le migliori offerte e acquisire direttamente tutte le informazioni sui tassi applicati.

TAEG E TAN: i tassi da verificare quando si richiede un prestito per comprare l’auto
Quando si acquista l’auto tramite prestito erogato bisogna essere attenti a TAEG e TAN. Considerando che per un’auto di taglia medio-piccola si possono spendere anche 3mila Euro in tassi di interesse è bene avere chiaro cosa siano questi tassi. Il TAEG, acronimo di tasso annuo effettivo globale, indica di tasso d’interesse percentuale di un finanziamento. È stato introdotto dalla direttiva europea 90/88/CEE e corrisponde al costo effettivo del prestito. Minore è il TAEG, maggiore è la convenienza del finanziamento. Il TAN, acronimo di tasso annuo nominale, è la percentuale d’interesse annuo applicato al prestito. Considerando gli interessi percentuali applicati al prestito al netto delle altre spese (come i costi di apertura della pratica o quelli delle commissioni di studio), è quindi un indicatore meno significativo del costo del finanziamento rispetto al TAEG.







LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

INCENDI ANCHE A FINE OTTOBRE: 'SPONTANEI' OPPURE DOLOSI?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...