PERCOSSE ALLA MOGLIE IN VALSASSINA, CONDANNATO PROFESSIONISTA MILANESE



LECCO – La coppia viveva in Centro Valsassina, con figli piccoli; è in corso la separazione e il marito, tecnico milanese ora è tornato a vivere in città. La relazione si è interrotta bruscamente perché, secondo le accuse mosse dalla moglie lui l’avrebbe picchiata procurandole gravi traumi.

Il processo a Lecco è terminato con la condanna in primo grado dell’uomo, un anno e mezzo di carcere che non sconterà in quanto incensurato (al di sotto dei due anni di pena valgono i cosiddetti “doppi benefici di legge” ovvero appunto la sospensione condizionale della sentenza e la non menzione). Difeso dall’avvocato Francesco Pesce del foro di Milano, doveva rispondere di lesioni e maltrattamenti in famiglia. In via provvisionale è stato fissato un risarcimento per i danni alla parte civile (moglie e figli) di cinquemila euro.

Lungo il dibattimento, conclusosi dopo cinque ore con la lettura della sentenza da parte del giudice Enrico Manzi.

Il protagonista della vicenda ha comunque preannunciato il ricorso in appello e una controdenuncia (non la prima, in questa delicata vicenda), accusando la moglie – patrocinata dall’avvocato lecchese Fabrizio Consoloni – di falsa testimonianza.

RedCro

 




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

METEO Valsassina




I SONDAGGI DI VALSASSINANEWS

PRIMA ANNONE, POI GENOVA: PASSARE SUI PONTI FA PAURA?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...