TECNOLOGIA PORTAMI VIA: DIGITALE TERRESTE IN VALSASSINA TRA TEMPORALI, CANALI FANTASMA E NUOVE TECNOLOGIE. FACCIAMO CHIAREZZA



Nuovo appuntamento col nostro spazio dedicato a consigli e buone pratiche per gestire la tecnologia che ci circonda. Dalle minacce del web agli aggiornamenti sulle Tv digitali, dai servizi proposti nelle App per smartphone e tablet alle opportunità rintracciabili nella vastità dei contenuti internet. Periodicamente coglieremo tematiche utili ai lettori dal mondo della tecnologia “domestica” e le declineremo in modo da renderle accessibili a tutti. > Qui le precedenti puntate

Dal 1° gennaio 2020 ci sarà un importante cambio di tecnologia sul digitale terrestre. Già nei mesi passati si era accennato che entro il 2022 i segnali del digitale terrestre sarebbero potuti essere visti solo con TV o decoder di tipo DVB-T2 (digitale terrestre di 2° generazione). Il nuovo governo ha invece modificato alcune procedure e questo cambio avverrà in 3 fasi:

1ª fase: già dal 1 gennaio 2020 tutte le emittenti italiane dovranno passare al formato chiamato DVB-T MPEG4. Questo formato è già disponibile da anni nei TV in commercio (già dal 2008 nei TV di buona marca e non economici). Questo vuol dire che chi ha dei TV con decoder digitale terrestre HD (HD ready o Full HD), dovrà solo fare una nuova sintonizzazione dei canali e tornerà a vedere i canali di prima. Chi invece ha dei TV o decoder esterni “normali” e non HD, dovrà provvedere a sostituire il decoder/TV con uno HD, altrimenti non vedrà più nessun canale.

2ª fase: per la Lombardia dal 1 giugno 2020 al 31 dicembre 2020, ci sarà una nuova riorganizzazione delle frequenze, per lasciare spazio al 5G (vedi sotto che cos’è il 5G). In questo caso saranno comunicate le date precise più avanti, suddivise per provincia. Quando ci sarà questo cambio servirà solo effettuare una nuova sintonizzazione dei canali, niente di più.

3ª fase: dal 2022 in poi (date precise si avranno più avanti) anche l’Italia passerà al nuovo formato DVB-T2. I nuovi TV costruiti dal 1 gennaio 2017 sono già compatibili a questo nuovo standard, a meno di ulteriori cambiamenti.

Come faccio a sapere se il mio TV/decoder è compatibile con MPEG4?
Parlando della Valsassina, soprattutto da chi riceve dallo Zucco Angelone, è sufficiente verificare se, oltre al canale La7 sul numero 7 del telecomando, visualizza anche La7 HD sul 507. Chi vede e sente La7 HD sul numero 507 saprà che è pronto per la prima fase del 1 gennaio 2020, in caso contrario vuol dire che il TV/decoder NON è pronto per l’MPEG4.

Le antenne TV saranno ancora compatibili?
Si, gli impianti TV di ogni utente non hanno bisogno di modifiche, purché siano già in buono stato ora.

Perché tutti questi cambiamenti?
In tutta Europa, parte delle frequenze ora usate dalle emittenti TV dovranno essere destinate al 5G, tecnologia che serve alla telefonia mobile per internet veloce e altri servizi. Dovendo destinare alcune frequenze TV al 5G, lo spazio disponibile alle TV diminuisce e in questo caso l’MPEG4 permette di sfruttare meglio lo spazio TV rimanente.

Perché dal 2022 si dovrà passare al DVB-T2?
Il DVB-T2 è molto più performante dell’MPEG4, soprattutto nella variante chiamata HEVC, perché permette di far stare ancora più canali in ogni singola frequenza TV mantenendo inalterata la qualità e permettendo ulteriori servizi come trasmettere segnali in UltraHD (4k). In più il DVB-T2 è più “robusto” ed è quindi molto migliorie rispetto all’attuale DVB-T.

Comunque, almeno nella prima fase, si tratta di un passaggio ben più indolore di quanto programmato inizialmente, ossia passando direttamente al DVB-T2. In questo caso si sarebbero esclusi una fetta decisamente più grossa di televisori obsoleti, costringendo buona parte degli utenti a cambiare il proprio apparecchio.

Sicuramente qualcuno leggerà queste modifiche come un provvedimento dell’Italia e del nostro governo. Non è così. Si tratta di un passaggio previsto in tutta Europa e qualche nazione sta già cominciando a fare questi cambiamenti, anzi l’Italia sarà tra le ultime avendo già chiesto proroghe.

Considerato che manca solo un anno e mezzo, è il caso di verificare fin da subito se gli apparecchi TV/decoder sono compatibili all’MPEG4. Meglio non farsi trovare impreparati il 1° gennaio 2020, da quel momento infatti solo chi avrà TV/decoder MPEG4 potrà continuare a ricevere i segnali TV. Inoltre chi dovesse cambiare TV o decoder è meglio si preoccupi da subito che il nuovo apparecchio sia almeno DVB-T2 con supporto HEVC.

Sul tema, qualcuno si lamenta che con il segnale analogico c’erano meno problemi. In minima parte potrebbe essere vero, ma se l’impianto TV è in buone condizioni con il digitale si hanno solo vantaggi. La qualità video e audio è migliorata enormemente con il digitale, in più in buona parte della Valsassina siamo passati da 8/9 canali analogici a più di 50 canali gratuiti e alcuni canali in HD, senza contare i 20 e più canali a pagamento.

Però quando piove i segnali vanno via.
Ecco la spiegazione: quasi tutti i ripetitori TV prendono il segnale dal satellite tramite parabola. Quando piove forte, il segnale che proviene dal satellite viene attenuato talmente tanto da non raggiungere il ripetitore, quest’ultimo quindi si spegne in attesa che ritorni il segnale. In più, come si sta notando ultimamente, spesso piove su zone ristrette, questo vuol dire i segnali potrebbero andare via ugualmente in molti paesi anche se il temporale è limitato all’area dei ripetitori.

Altro esempio sono i guasti sulla linea elettrica che porta energia ai ripetitori, e questo vuol dire ripetitori spenti finché ritorna la corrente.
Possono inoltre capitare guasti al ripetitore stesso: con l’analogico se si guastava un ripetitore scompariva un solo canale, ora con il digitale a sparire sono dai 5 agli 8 canali.
Naturalmente questi “problemi” non sono esclusiva della Valsassina ma sono situazioni che accomunano tutti i territori coperti dal digitale terrestre, soprattutto le zone montane.

Questa pagina è curata e offerta da
ganassa banner

 

 




LE NEWS DI VN GIORNO PER GIORNO

METEO Valsassina




I "TEST" DI VALSASSINANEWS

COME TI COMPORTI IN OCCASIONE DEL "BLACK FRIDAY"?

Vedi risultati

Loading ... Loading ...

VN SU FACEBOOK